Attualmente positivi, sono 991. A inizio dicembre erano 1850
Lodi, ospedale Maggiore

Attualmente positivi, sono 991. A inizio dicembre erano 1850

I dati della provincia di Lodi raccolti dal «Cittadino» comune per comune

Sfiorano il migliaio le persone attualmente positive al Covid nel Lodigiano, sono 991: è distante il massimo toccato a inizio dicembre, di 1850 positivi attivi. I dati sono quelli ufficiali della piattaforma Ats a cui hanno accesso i sindaci dei comuni per la sorveglianza dei positivi e i medici di medicina generale per l’inserimento nel programma dei nuovi casi.

La piattaforma registra i dati nel momento in cui sono immessi o modificati, e dunque si tratta di una fotografia “mobile”, che oggi potrebbe già essere diversa: la situazione che riportiamo è quella caricata sul portale tra giovedì sera e venerdì pomeriggio. Pur con molti dubbi sull’affidabilità puntuale del dato, si tratta della miglior rappresentazione possibile dello stato del contagio oggi. Molti sindaci hanno più volte sollevato perplessità in merito alla correttezza dei dati inseriti, e spesso si rilevano delle discrepanze tra i nuovi positivi segnalati a livello quotidiano da Regione Lombardia (quelli pubblicati ogni giorno da Il Cittadino, e trasmessi a Roma per la vigilanza sanitaria nazionale) e la loro registrazione nel portale Ats. A volte si tratta solo di un problema di tempo di registrazione dell’esito del tampone, altre volte probabilmente alcuni positivi «vengono persi per strada», come sospetta un primo cittadino lodigiano, cioè non sono riportati nell’elenco del portale. Un problema rilevante, più volte segnalato anche da Il Cittadino, soprattutto per i sindaci che devono tenere monitorati i positivi, sia per verificare che non vi siano improvvisi aggravamenti, sia per far fronte a necessità individuali, sia per garantire che sia mantenuta la quarantena fiduciaria.

Ecco la situazione comune per comune, per numero di contagiati attivi nel Lodigiano, cioè i 60 Comuni della provincia di Lodi più San Colombano che appartiene allo stesso distretto Asst Lodi: Lodi 166, Codogno 67, Mulazzano 51, Casalpusterlengo 47, Lodi Vecchio 46, Sant’Angelo 43, Zelo Buon Persico 42, Tavazzano 36, Castiglione 32, Sordio 31, Casaletto 30, San Martino 24, Massalengo 23, Cornegliano 21, Borgo San Giovanni 20, Fombio 18, Castiraga Vidardo 17, San Colombano 16, Crespiatica 15, Turano 14, Casalmaiocco 13, Caselle Lurani 12, Guardamiglio 12, Somaglia 12, Pieve Fissiraga 11, Comazzo 10, Salerano sul Lambro 10, Cervignano d’Adda 9, Corte Palasio 9, Orio Litta 9, Terranova 8, Castelgerundo 7, Maleo 7, Merlino 7, San Fiorano 7, Boffalora 6, Livraga 6, Ospedaletto 6, San Rocco 6, Senna 6, Valera Fratta 6, Borghetto 5, Cavenago 5, Galgagnano 5, Graffignana 5, Ossago 5, Secugnago 5, Villanova 4, Castelnuovo 3, Mairago 3, Marudo 3, Montanaso 3, Brembio 2, Santo Stefano 2, Abbadia Cerreto 1, Bertonico 1, Cornovecchio 1, Caselle Landi 0, Corno Giovine 0, Maccastorna 0, Meleti 0. Il totale è di 991 positivi attuali. Da segnalare anche che, in collina, il Comune di Miradolo in provincia di Pavia registra 27 positivi. In molti Comuni è in atto un rialzo dei contagiati attivi, ma nella maggior parte dei casi l’incremento è modesto, di poche unità. In una settimana fa un balzo Codogno, +26 positivi (oltre il 50 per cento di incremento), e diversi comuni segnano aumenti nell’ordine della decina o dozzina di casi, Lodi Vecchio, Casalpusterlengo, Castiglione, Mulazzano, Casaletto, San Colombano. Ma con numeri assoluti ancora piuttosto contenuti, l’impressione è che si tratti di piccoli focolai all’interno di ambiti domestici o tra le amicizie ristrette o sul posto di lavoro. E del resto questo è proprio lo scopo delle limitazioni che sono state messe in atto con la zona arancione scuro prima e con la zona rossa poi. In questo senso l’incremento dei casi attivi potrebbe proseguire ancora nei prossimi giorni (e magari spingere all’insù anche di qualche centinaio di casi gli attuali positivi). Dopodiché, se le previsioni saranno confermate, è atteso l’inizio graduale della discesa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA