Blitz degli attivisti vegani al macello Inalca di Ospedaletto
La manifestazione contro la macellazione degli animali

Blitz degli attivisti vegani al macello Inalca di Ospedaletto

Una dozzina di manifestanti alla “veglia” che andrà avanti fino a domani

Gli attivisti vegani manifestano a Ospedaletto contro la macellazione. È iniziata ieri e andrà avanti fino a domani la “veglia pacifica” delle “Iene Vegane” e dell’organizzazione non violenta “The Save Movement” davanti ai cancelli dell’Inalca di Ospedaletto Lodigiano «per dire basta alla macellazione degli animali e sensibilizzare l’opinione pubblica».

Armati di soli cartelli inneggianti il veganesimo e raffiguranti i musi di suini e bovini immortalati dietro le sbarre dei camion, i vegani hanno esercitato la loro azione di disturbo invitando a riflettere per primi gli autotrasportatori, «vittime» a loro dire «di un sistema malato».

I manifestanti, una dozzina provenienti da Milano, Mantova, Prato e altre parti del Centro e Nord Italia, si sono dati appuntamento ieri alle 10 davanti alla multinazionale, e guardati a vista dai carabinieri e dalla polizia, hanno iniziato a fermare i camion carichi di bovini, fotografando gli animali destinati al macello. Ieri notte gli attivisti hanno dormito sui camper parcheggiati davanti all’Inalca e questa mattina hanno ripreso il sit-in accompagnato dal digiuno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA