Asfalti ormai sbriciolati e rappezzi con il catrame: è boom di segnalazioni
In alto a sinistra il “rattoppo” ormai consumato in via del Guasto, a destra il catrame utilizzato in via Volturno al posto dei bolognini

Asfalti ormai sbriciolati e rappezzi con il catrame: è boom di segnalazioni

Lodi, eclatante la “soluzione” adottata in via Volturno

Asfalti “creativi”, o al limite dell’accettabile. Dopo il caso eclatante di piazza della Vittoria, la cui pavimentazione è ancora danneggiata (e sistemata a più riprese rovinando ulteriormente il rissàd), spunta il rappezzo di via Volturno: al posto dei tradizionali bolognini, si è pensato di riqualificare la strada con una lunga gettata di catrame. A questo proposito si attendono sviluppi, soprattutto da parte del Comune: si tratta di una soluzione temporanea? Perché è stato utilizzato un materiale diverso da quello che caratterizza il resto di via Volturno? E se è stato commesso un errore, saranno presi provvedimenti?

La “tecnica” non è nuova, si è vista per l’appunto in piazza della Vittoria, il salotto per eccellenza del capoluogo, e qualche volta anche in Garibaldi, ma non per porzioni così rilevanti.

In questi giorni le segnalazioni sulla manutenzione delle strade si sono moltiplicate. Oltre a via Volturno, infatti, c’è via del Guasto, non molto distante dall’Isola Carolina: il marciapiede è un “puzzle” di pezzi d’asfalto che si stanno sbriciolando. I lettori tornano poi a puntare il dito sul tombino aperto in via della Costa, quasi all’angolo con via Defendente: una trappola per i pedoni, che rischiano di finire a terra.


© RIPRODUZIONE RISERVATA