Arrivano da un altro comune, multati a Casalpusterlengo

Arrivano da un altro comune, multati a Casalpusterlengo

Persone ferme con caffè e brioche, sanzionato un bar

Prime multe per violazione delle regole da lockdown: la polizia locale di Casalpusterlengo sanziona un bar lungo la via Emilia e due persone provenienti da fuori città trovate in centro prive di giustificazione. Fine settimana di controlli a Casale. In particolare domenica un bar- tabaccheria lungo la strada statale gestito da cinesi (l’ex bar Gino, attuale Magic bar) si è visto elevare una multa da 400 euro, dal momento che, presso il locale, si era creato un piccolo assembramento di persone. Qualcuna intenta a sorseggiare. Dalla birra, al caffè. Secondo quanto appreso però il gruppetto si sarebbe sparpagliato in pochi secondi e solo una persona sarebbe stata fermata. Non è dato sapere però se sia stata sanzionata. In merito alla vicenda non sono state rese note comunicazioni ufficiali. Secondo l’ultimo Dpcm tabaccherie e bar possono restare aperti. In particolare ai bar è concesso servire caffè, bibite, ma da asporto. Ed è così che da venerdì scorso i bar della città hanno cominciato a fare. La consumazione però non è concessa in loco, presso il locale, ma, appunto, da asporto. Obiettivo? Evitare assembramenti. Fuori e dentro. Anche se, all’atto pratico, la gestione concreta delle dinamiche non appare sempre facile. Così come l’accertamento delle responsabilità del gestore e dei singoli avventori rispetto a eventuali assembramenti. Quanto alle sanzioni, sono amministrative e vanno da 400 euro a 1000 euro, con la riduzione del 30 per cento se si paga entro 5 giorni. È un fatto che il bar lungo la via Emilia sia stato multato. E che la vicenda abbia creato un acceso dibattito in città in un momento delicato anche per le attività commerciali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA