Al “Moru” a la sira al fèva imparà a tuti i giun a sunà un strument

Al “Moru” a la sira al fèva imparà a tuti i giun a sunà un strument

Il ricordo di Angelo Pozzoli, maestro e direttore della banda di Senna

Stamatina ho scupert ch’ ien trent’ani giusti cl’è mort. Canda la m’è rusìn! Bele trenta n’è passad. E ma par ier... Angelo Pozzoli, che ciamèvi ‘Ngiuletu parchè seri un fiulìn e gh’evi rispett, l’era cunussud da tuti cume al “moru”, par via dla carnagiòn scura. Al fèva l’ uperari a la Saffa a Casal, l’è stai al maestar e diretur dla banda ad Sena da quand l’è nassuda, in dal 1938 fin al 1986. L’era lu che a ogni invern che rivèva, a la sira al fèva imparà a tuti i giun a sunà un strument. L’ho cunussud ben, lu e tuta la so famiglia, parchè stevi in d’un curtil propi dadrè a la so cà. E poe son andai a stà in piassa propi in facia a la cà dal Moru e dla so dona, Maria “la partura”. I paru rob dl’oltar mund! Un uperari dla Saffa che al cunusseva tantu che ben e cun tanta passiòn la musica, Verdi, Puccini e cumpagnia bela, da diventà al cap e diretur d’una squadra ad gent che par la magiur part la parlèva sempar e apena in dialett. E ien diventadi sunadù dla banda ad Sena! Tuti omi che laureva in campagna, in fabrica, sui strad...un quaidun al sèva no gnanca in due l’èr la scola... Ma lu l’è stai bon da fagh imparà a sunà al bass, al flicorn, la trumba e al clarìn, la cassa cui piati e al tamburel. Al Moru l’era un om grand e magar, cun una flema da di no, al sa rabièva mai e tuti la ‘scultèvu. Al gh’èva anca una gran passienssa e l’è stai bon da fa andà d’acordi cui strumenti i bianchi cui russi. Parchè l’era la banda dla cesa e la gh’èva la divisa bianca, ma gh’èra indrèn anca sunadù cumunisti, brava gent che prò ga dèva un po’ fastidi al fum di candil.

Ogni invern, la scola dla banda la sa impieniva ad fiuleti che gh’èva da imparà a sunà. Quand son andai in prima media, un dubass è gnud a cà mia du amisi pussè grandi e i m’han di se vurevi andà a sunà in dla banda. Cuiòn la mè ruzìn! L’è stai tame fam un regal gross m’è una cà! Andà in dla banda l’era tame dì ess cunsiderad pussè grand. Al Moru al decideva lu al strument da fat imparà. A mi al m’ ha dai in man al clarìn.

I primi sir, in da cla stanssa streta e lunga, fregia e umda, tacada a la cesa, l’era propi lu a pissà la stua a legna e poe a fam imparà i primi not dla scala sul manual dla musica.

Al batèva al temp cun la man e al disèva al num dla nota che mi sunèvi. Se al clarin al sifulèva, vurèva di che cui mè didìn stupèvi no trop ben i busi, alura lu al ma rusèva i so didi cuntra i mè e al ma fèva rifà la nota, e al ma disèva cume gh’èvi da buffà cuntra la lanceta.

Al Moru al gh’èva sempar in buca la caramela menta e sa sentiva al prufum: ma pariva da vegh arent un nonu. Dopo un invern ad proeu, quand evam imparad la scala e i pusissiòn di ciau dal clarin, sa cumincèva a sunà i primi marcett religiusi: “Cristo Re”, “Sonno eterno” e “Cuore infranto”, i pussè facii da imparà parchè lenti e cun i not lunghi. In primavera al Moru al purtèva num fioei a imparà a marcià: na mitèva in fila su la stradina in fund al Padul, quela che va a la Mariana, e na dèva al temp par tegn al pass: “ Uno due, uno due, uno due... Uno piede sinistro! Sinistroooo! “

A la festa ad Cristo Re tuti i ani i bandisti giun i sunèvu par la prima volta insema a tuta la banda: al Moru la guidèva cun in man al so sassofono tenur, tut dinuculent al cumincèva:

“ Uno due, uno due, uno due ...pronti ? Uno due..via!” Poe ogni tant al bufèva una quai nota in dal sassofono e al tignèva d’ogg la strada e la fila di sunadù.

L’era un om tacad ala cesa cume pochi. L’ha cuminciad in di ani trenta a sunà a la messa e ai fest dl’uratori, parchè don Merlini al ga tignèva tant a la musica; quand l’arcipret al g’ha di da trà in pè un’urchestrina pr’ al teatrin dl’uratori, al Moru al s’l’ è fai no di du volt: al s’è dai da fa subat e l’è rivad a trà in pè e dirigg pussè ad trentacinq persun ch’ èva mai vist una nota e gnanca un strument! D’estad al passèva i sir al bar dl’Acli in due gh’èra l’uratori, setad foera al taulìn sul piassal dla cesa, a ciciarà al bel fresch cun don Giuàn, Bigìn, Poldu, Gineto, Steu al sepultur...

A chi tempi là, cun la bela stagiòn quasi tuti i duminch partivam su la curiera ad Furtìn e ‘ndevam a sunà in trasferta. Un estad, in piassa di Capucin a Casàl seram tuti prunti pr’un concerto. Davanti a tuta la gent, gh’evam in prugrama un’opera miga da ridd: “La Forza del destino” di Giuseppe Verdi.

Fèva un cold da di no e al Moru al dirigèva cun la bacheta in man e in camisa bianca. L’eva capid che a un quidun da num ga tremèva la man e in d’un passagg delicad, propi quand al flicorn al duèva intunà l’assolo dla “Vergine degli Angeli”, è partid no i arpeggi di secundi clarìn. Al Moru l’ha fai finta ad gnent e al g’ha fai un segn a Giuanìn Pipeta par fal partì cun l’assolo, ma al mè sociu al s’è fai ciapà dal panich e al flicorn l’è stai mut. Ho vist al maestar slungà i brassi e la bacheta, tut sudad, cumincià a sbasà la testa e cantà pian pian sutt vuz par intunala... Giuanìn l’ha ciapad curagg, l’ha cuminciad a bufagh indrèn in dal flicorn e tuta la banda la ghè andai adrè. La gent la s’è acorta ad gnent…

Quand andevam adrè ai prucessiòn, una marcia religiusa dopu l’oltra, g’ho amò in di uregg la so vuz che la dèva l’urdìn da preparà la partidura: “ Noi vogliam Dio”.

E se un quidun di bandisti vegi al g’ha fèva nutà che evam fai che finì da sunala, al Moru, cun la so flemma e un buchìn da rid, al rispundèva: “ Ma quei che stà in da cla via là l’han gnamò sentuda! “.

Quant l’è ‘ndai in penssiòn, l’ha cuminciad a fa ‘ndà l’urtaia che al gh’èva a la Puluna. Lì, in fund al pais, gh’èra una fila d’orti tuti di Pozzoli, l’ultim l’era al so. Al gh’èva una cinquantina ad galìn da mantegn e poe tri o quatar gabii cui dunei. Mi passèva da lì pr’andà in dal mè urtìn a catà i magiustar e la videvi tut ciapad a dagh da mangià ai pui. Una quai volta andèvi indrèn a saludàl e lu al m’ha rispundeva, ma senssa fermass, senssa girass in ver mi e cun un fil ad vuss cume al solit. Ma quand ho vist che roba al gha dèva da mangià ai galìn...ho cuminciad a girà a la larga. Parchè lu, al Moru, al sa ‘rbatèva sempar un po’ a la so manera, ma quand l’era cun la so banda alura al diventèva un siur diretur, apassiunad dla musica, bon m’è al pan e dal purtament drit m’è un fuz: un diretur fai e finid!

Saress bel parlà anca da Maria la partura, la so dona, parchè ieru una copia miga da rid, ma la gnaress trop lunga. Al Moru l’è stai par quarantott ani una roba sula cun la banda, al g’ha fai imparà a tuta la gent ad Sena la musica, l’ha purtad giun e vegi a sunà da la Magasturna a Milan in via Larga, da San Savin sui muntagn dal piasentìn fin a Ruma davanti al Papa. L’era tacad ala cesa, quela da don Ernesto Merlini, don Giovanni Bracchi e don Ottavio Negri. Al Cumùn ad Sena l’ha fai propi ben, ani fa, a intitulà una piassa al Cavalier dla Musica Angelo Pozzoli. Parchè s’la meritèva propi.

LA TRADUZIONE

Stamattina ho scoperto che sono giusto trent’anni che è morto. Accidenti, son passati già trent’anni e mi sembra ieri. Angelo Pozzoli, che io chiamavo Angioletto perché ero un bambino ed avevo rispetto, era conosciuto da tutti come “il moro” per la sua carnagione scura. Faceva l’operaio alla Saffa di Casale , è stato maestro e direttore della banda di Senna dal 1938 al 1989. Era lui che ad ogni inverno che arrivava, alla sera faceva imparare a tutti i giovani a suonare uno strumento.

L’ho conosciuto bene, lui e tutta la sua famiglia, perché abitavo in un cortile dietro casa sua, poi sono andato ad abitare in piazza proprio di fronte alla casa del “ moro” e di sua moglie Maria “ la pretora”. Sembra una cosa dell’altro mondo, da non credere! Un operaio della Saffa che conosceva tanto bene ed aveva tanta passione per la musica di Verdi, Puccini e compagnia bella, da diventare capo e direttore fondatore di una squadra di bandisti, gente che per la maggior parte non sapeva neppure parlare in italiano corretto. Uomini che lavoravano in campagna, in fabbrica, sulle strade ..qualcuno non sapeva neppure dove fosse la scuola. Ma lui è stato capace di insegnare loro a suonare il bassotuba, il flicorno, la tromba e il clarinetto, la cassa, i piatti e il tamburello. Il Moru era un uomo alto e magro, flemmatico, non si arrabbiava mai e tutti lo ascoltavano. Aveva anche una grande pazienza ed è stato capace di far andare d’accordo con la musica i bianchi con i rossi. Perchè era la banda parrocchiale ed aveva la divisa bianca, ma c’erano tanti bandisti comunisti, brava gente a cui dava però un po’ fastidio il fumo delle candele. Ogni inverno, la scuola della banda si riempiva di ragazzini che dovevano imparare a suonare uno strumento. Quando ero in prima media, sono venuti a casa mia due amici più grandi a chiedermi se volevo andare a suonare nella banda. Cavoli! E’ stato per me un regalo grande come una casa! Andare nella banda voleva dire essere considerato più “grande”. Il Moru decideva lui quale strumento darti da suonare, a me ha dato in mano un clarinetto. Le prime sere, in quella stanzetta lunga e stretta, fredda e umida, era lui ad accendere la stufa a legna e poi a farmi imparare le prime note della scala sul manuale musicale. Batteva il tempo con la mano e diceva il nome della nota che io dovevo suonare. Se il clarino fischiava voleva dire che non chiudevo bene i buchi, allora lui spingeva le sue dita contro le mie e mi faceva rifare la nota, dicendomi come dovevo tenere la bocca per soffiare meglio dentro l’ancia. Il Moru aveva sempre in bocca una caramella menta e sentivo il profumo: mi sembrava di avere vicino un nonno. Dopo un inverno di prove, quando avevamo imparato la scala e le posizioni delle chiavi degli strumenti, cominciavamo a suonare le prime marcette religiose: “ Cristo Re”, “Cuore infranto” e “Sonno eterno”, le più facili da imparare perché lente e con note lunghe. In primavera il Moru portava noi ragazzi a imparare a marciare: ci metteva in fila sulla stradina in fondo al Padulo, quella che porta alla Cascina Marianna e scandiva il tempo per tenere il passo:

“ Uno due, uno due, uno due...Uno piede sinistro! Sinistroooo...”

Alla festa di Cristo Re tutti gli anni i giovani suonavano per la prima volta insieme alla banda: il Moru la guidava, tutto dinoccolento, con in mano il suo sassofono tenore: “ Uno due, uno due pronti? Uno due...via!” E ogni tanto soffiava qualche nota col sassofono, tenendo d’occhio la strada e la fila dei suonatori. Era un uomo legato alla chiesa come pochi. Ha iniziato a suonare negli anni trenta durante le feste all’oratorio e alla messa, perché don Merlini ci teneva molto alla musica; quando l’arciprete gli ha detto di organizzare un’orchestrina per il teatrino dell’oratorio, il Moru non se lo è fatto dire due volte: si è dato subito da fare ed è riuscito a buttare in piedi e dirigere negli anni più di trentacinque persone che non avevano mai visto una nota e nemmeno uno strumento! D’estate passava le sere al bar Acli dove c’era anche l’oratorio, seduto fuori al tavolino sul piazzale della chiesa, al bel fresco a chiacchierare con don Giovanni ( Bracchi), Luigi ( Franchi), Leopoldo ( Franchi) , Ginetto ( Cremonesi) , Stefano ( Franchi) il seppellitore ( comunale) …

In quegli anni, con la bella stagione, quasi tutte le domeniche partivamo sulla corriera di Forti e andavamo a suonare in trasferta. Un’estate, in piazza dei Cappuccini a Casale eravamo pronti per un concerto. Davanti a tanta gente, avevamo in programma un pezzo non di poco conto: “La forza del destino” di Giuseppe Verdi. Faceva molto caldo e il Moru dirigeva con la bacchetta in mano e in camicia bianca. Aveva capito che a qualcuno di noi tremava la mano e, in un passaggio delicato, proprio quando il flicorno doveva intonare l’assolo della “Vergine degli Angeli”, i secondi clarinetti non hanno iniziato gli arpeggi previsti. Il Moru ha fatto finta di niente e ha fatto un segno a Giovanni “pipeta” perchè cominciasse lo stesso l’assolo, ma il mio amico si è fatto prendere dal panico e il flicorno è stato muto. Ho visto il maestro allungare le braccia e la bacchetta, abbassare la testa tutto sudato e cantare pian piano sottovoce per intonarla...Giovanni ha preso coraggio e ha cominciato a suonare e tutta la banda gli è andata dietro. Nessuno si è accorto di nulla…

Quando suonavamo in processione, una marcia religiosa dopo l’altra, ho ancora nelle orecchie la sua voce che ordinava di preparare lo spartito: “Noi vogliam Dio”.

E se qualcuno dei vecchi bandisti gli faceva notare che avevamo appena finito di suonarla, il Moru con la sua flemma e un mezzo sorriso rispondeva: “ Ma quelli che abitano là in quella via non l’hanno ancora ascoltata.” Quando è andato inpensione ha cominciato a curare l’ortaglia che aveva alla Polona. Infondo al paese c’era una fila di orti tutti dei Pozzoli e l’ultimo era il suo. Aveva una cinquantina di galline e tre o quattro gabbie con i conigli. Io passavo di lì per andare nel mio piccolo orto a cogliere la fragole e lo vedevo tutto preso a dar da mangiare ai polli. Qualche volta entravo a salutarlo e lui senza fermarsi, senza girarsi verso di me e con un filo di voce come al solito, mi rispondeva. Ma quando ho vito coda dava da mangiare ai polli ...ho cominciato a girare al largo. Perchè lui , il Moru, si arrabattava sempre un po’ a modo suo, ma quando era con la sua banda allora diventava un signor direttore musicale, appassionato alla musica, buono come il pane e dal portamento diritto e signorile: un direttore come si doveva. Sarebbe bello parlare anche di Maria la “pretora”, sua moglie, perché erano davvero una bella coppia, ma sarebbe troppo lunga da raccontare. Il Moru è stato per 48 anni una cosa sola con la banda, ha insegnato la musica a tutta la gente di Senna, ha portato giovani e vecchi a suonare dalla Maccastorna a Milano, da San Savino sulle montagne del piacentino fino a Roma davanti al Papa. Era persona di chiesa, quella dell’epoca di don Ernesto Merlini, poi don Giovanni Bracchi e don Ottavio Negri. Il Comune di Senna ha fatto proprio bene anni fa ad intitolare una piazza al Cavaliere della Musica Angelo Pozzoli, perché se lo meritava davvero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA