AGGIORNAMENTO - Tragedia Frecciarossa, 5 indagati

AGGIORNAMENTO - Tragedia Frecciarossa, 5 indagati

Sono di Piacenza e di Casale, dipendenti di Rete Ferroviaria Italiana

In tre vivono a Piacenza, uno in quella provincia e uno a Casalpusterlengo e hanno fra i 29 e i 40 anni i cinque tecnici della manutenzione dipendenti di Rete Ferroviaria Italiana Spa indagati per disastro ferroviario, lesioni colpose e omicidio colposo in cooperazione tra di loro. Secondo le accuse della procura della Repubblica di Lodi, guidata dal procuratore Domenico Chiaro e ipotizzate dal sostituto di turno Giulia Aragno, per colpa consistita in imprudenza, negligenza e violazione delle norme legislative e regolamentari avrebbero causato in concorso tra loro, “non impedendolo”, lo svio del treno Frecciarossa 1000 impegnato nella corsa 9595 Milano Centrale - Salerno giovedì scorso. La Procura di Lodi ipotizza che in particolare, nel corso della manutenzione di scambi ferroviari nei pressi del Posto Movimento di Livraga (Lodi), tra le progressive chilometriche 165 e 167, svolgevano l’attività in modo non adeguato, tale da determinare il deragliamento del Frecciarossa su binari di servizio, non destinati alla corsa ordinaria nè in grado di sostenere il passaggio di un convoglio ad alta velocità. Ferrovie dello Stato ha disposto per loro un supporto psicologico e li ha destinati provvisoriamente ad altre mansioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA