Abitazioni e un supermercato: un nuovo quartiere a Sant’Angelo
Uno scorcio di viale Piave. dove è previsto l’intervento

Abitazioni e un supermercato: un nuovo quartiere a Sant’Angelo

Su un’area di 32mila metri quadrati arriveranno un’attività commerciale e case per circa 120 abitanti

Oggi c’è un campo verde, con affaccio su una delle direttrici di entrata e uscita dalla città, viale Piave, collegamento diretto al Pavese. Domani ci saranno nuove case – per 118 abitanti teorici – e un nuovo supermercato. Arriva un nuovo mini-quartiere e una nuova insegna della grande distribuzione sulla circonvallazione interna alla città. Tra due insediamenti commerciali storici – quello del centro commerciale Il Castello, che ha 25 anni di storia alle spalle, e quello de Le Due Torri in zona Malpensata – e più precisamente, in linea d’aria, tra il distributore Tamoil e la concessionaria Lazzari. Adottato dalla giunta Villa l’ambito di trasformazione urbana AT1, già previsto dal Piano di governo del territorio vigente, e presentato dalla società Aedis 2004 srl di Sant’Angelo Lodigiano. La proposta di approvazione dell’area di trasformazione At1 – limitata all’unità minima di intervento 1, in fregio a viale Piave, per poco più di 32 mila metri quadrati - è stata depositata il 30 dicembre agli atti di palazzo Delmati. Incassati tutti i pareri tecnici degli enti, allo scorso 3 luglio risale invece il parere favorevole della commissione tecnica consiliare, mentre il 7 luglio scorso è stato licenziato nella conferenza dei servizi istruttoria. Nella relazione tecnica – elaborata dallo studio di architettura Ferrari di Sant’Angelo – tutti i dettagli dell’intervento, che sarà diviso in lotti. Il primo, in fregio a viale Piave, che si estende per 6275 metri quadrati, sarà appunto destinato a commerciale, per la creazione di un nuovo supermercato da 1350 metri quadrati di superficie destinata alla vendita, al di sotto quindi dei 1500 metri quadrati previsti da normativa. Il progetto definitivo per il nuovo supermercato sarà presentato successivamente, dopo appuntato l’approvazione del progetto urbanistico dell’ambito. Gli altri lotti, alle spalle, saranno destinati al residenziale, per la creazione di palazzine o villette, opzioni che saranno valutate a seconda delle esigenze di mercato; lotti che saranno oggetto di pratiche edilizie dedicate. Prevista una nuova strada interna al comparto, collegata a viale Piave, dove sarà realizzata una rotatoria per la messa in sicurezza dello svincolo. Il nuovo quartiere porterà con sé anche una pista ciclabile sia lungo la nuova strada, sia in fregio a viale Piave, una richiesta esplicitata dall’amministrazione comunale che permetterà di avere un collegamento in sicurezza in un punto finora critico per pedoni e ciclisti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA