A Zelo Vittoria Bellanza lascia il consiglio e torna a fare il medico a tempo pieno
Il medico ed ex consigliere Vittoria Bellanza

A Zelo Vittoria Bellanza lascia il consiglio e torna a fare il medico a tempo pieno

Nell’emergenza Covid vuole dedicarsi ai pazienti che hanno bisogno di cure

Vittoria Bellanza lascia il consiglio comunale. Medico di base della comunità zelasca, ha rassegnato la settimana scorsa le sue dimissioni da consigliera di minoranza del gruppo Cambiamo Zelo Buon Persico, perché ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla sua “missione”. «In un periodo di tale emergenza sanitaria, che sembra ritornare, voglio dedicarmi principalmente ai miei pazienti, sapendo che chi mi sostituirà sarà in grado di lavorare con impegno e costanza», sono le parole della dottoressa, che non nasconde il suo dispiacere. Per lei era la prima esperienza amministrativa, interrottasi dopo solo un anno e mezzo. «Ho dovuto fare una scelta, perché non era possibile fare entrambe le cose con lo stesso impegno - continua Bellanza -; io sono medico, non potevo che privilegiare quella che è la mia naturale vocazione, i pazienti sono la mia stessa vita e più che mai ora hanno bisogno di me. Il mio telefono è sempre acceso, rispondo sempre e in qualunque momento». Proprio oggi, 34 anni fa, la dottoressa Bellanza si è laureata. E da allora presta assistenza ai cittadini dei comuni dell’Alto Lodigiano da Comazzo a Merlino e poi a Zelo, dove ora abita e continuerà sia a seguire i suoi pazienti che a sostenere la lista con cui è stata eletta. In consiglio comunale le subentrerà Lavinia Chiosi, 21 anni, la più giovane della formazione di opposizione. «Il gruppo consiliare Cambiamo Zelo Buon Persico dà il benvenuto a Lavinia, una ragazza giovane, tenace e colma di buoni propositi - affermano Lucilla Danelli e Angelo La Bruna, i consiglieri in carica-. Siamo molto contenti di poter lavorare con lei. Un ringraziamento è d’obbligo per la dottoressa Bellanza, le auguriamo un buon lavoro certi che sarà sempre presente per i suoi pazienti oggi più che mai. Grazie di cuore dottoressa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA