A 86 anni vince la sua battaglia contro il virus: «Sono felice» VIDEO

A 86 anni vince la sua battaglia contro il virus: «Sono felice» VIDEO

Gianna Pea è tornata a casa ieri dopo un ricovero iniziato lo scorso 7 febbraio

Gianna Pea ce l’ha fatta. L’86enne di Casale è tornata a casa: insieme al personale sanitario e ai suoi familiari, la donna ha sconfitto il Covid-19. Ieri, al momento delle dimissioni, la mascherina le copriva ancora il volto, ma la sua gioia traspariva dall’espressione degli occhi. Giunta sull’auto, pronta per rientrare a casa, Gianna però ha anche alzato la mano per salutare con immensa gratitudine l’infermiera rimasta sulla porta. Un gesto cui si è poi aggiunto il messaggio di gratitudine espresso dai familiari, Stefano, Francesca e Massimiliano, che su un cartellone con la maxi scritta “Bentornata a casa Gianna, è andato tutto bene”, hanno voluto rivolgere un ringraziamento speciale a «personale medico e infermieristico di Casale e Codogno, Croce Casalese, don Emanuele e di tutti i parenti». A casa, ad attendere Gianna, il suo compagno di vita Carlo.

«Ho avuto paura di morire e di lasciare Carlo da solo - racconta la donna -, tramite Massimiliano ho chiesto a don Emanuele più volte di pregare per me; nonostante mi sentissi guarita, l’attesa del responso dei tamponi finali è stata terribile - conclude Gianna -: sono felice di essere stata più forte del virus, sono felice di avercela fatta».

Il lungo percorso di Gianna inizia il 7 febbraio al pronto soccorso di Codogno, dove la donna accede per una serie di complicazioni dovute alla sua cardiopatia. Dopo tre giorni di ricovero, l’86enne viene trasferita a Casale nel reparto di medicina in cui resta per circa un mese. Nel frattempo però accusa delle difficoltà e viene trovata positiva al Covid-19. Il 12 marzo, in seguito alla chiusura del reparto a Casale, viene spostata di nuovo a Codogno per altri 12 giorni: qui, dunque, combatte la sua battaglia decisiva col nuovo coronavirus. E la vince. Lasciando l’ospedale ieri.

«Gianna è una donna attiva e la malattia non le ha fatto perdere la sua grinta, è stata fortunatissima - osservano i familiari, Massimiliano e Francesca -: in queste settimane è stata dura, per lei e per chi l’aspettava a casa, perché non è facile resistere, specialmente se si è soli, lontani dagli affetti».

Per il sindaco di Casale Elia Delmiglio il ritorno di Gianna a casa è di certo una notizia che fa bene in un momento drammatico: «Sono state settimane in cui ha lottato con ogni forza e grazie a un incredibile lavoro di medici e infermieri è riuscita a guarire: un grande grazie va dunque a tutti i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari che operano nelle nostre strutture e con grande dedizione, amore e competenza si dedicano a chi soffre. Tra tante storie di dolore e sofferenza, la guarigione di Gianna ci dà speranza. Forza Gianna e forza a tutti coloro che stanno lottando».


© RIPRODUZIONE RISERVATA