«Tomolpack, ora serve continuità»

«Tomolpack, ora serve continuità»

Il nuovo coach Stefano Mattioli indica la strada verso la salvezza

«Il morale delle ragazze è sicuramente più alto: la vittoria contro il Calcinato ha tracciato la linea del livello dove possiamo insediarci. Il segreto sabato scorso è stato sbagliare poco e la continuità è l’unica via che abbiamo per inseguire la salvezza». Ha le idee chiare Stefano Mattioli, già tecnico della Mariani Lodi nel 2000 e ora primo coach della Tomolpack Marudo a caccia della salvezza in Serie B2 femminile dopo le gestioni Andrea Della Penna, Laila Toscano e Sabrina Vasi, con queste ultime che restano parti attive dello staff tecnico.
Indubbiamente non mancano gli ostacoli per raggiungere il traguardo fissato dalla società di Marudo: «La Tomolpack ha una rosa “anomala” - spiega Mattioli -: in rosa ci sono tre palleggiatrici, tre liberi, tre centrali e tre laterali. Purtroppo allenarsi in attacco così non è facile, soprattutto se ci si mettono di mezzo gli infortuni».
Sabato la Tomolpack andrà a Gussago per un altro scontro cruciale per la permanenza in B2: «Ma non guardo la classifica - chiude Mattioli -, per salvarci dobbiamo fare punti in tutte le partite».
Intanto a livello provinciale entra nel vivo la stagione giovanile maschile. In campo Under 18 è scattata la fase dei play off con il turno preliminare: in gara-1 il New Volley Vizzolo cede 2-3 una partita vibrante con la Pallavolo Cremonese e domenica a Cremona dovrà portare a casa il successo in gara-2 per proseguire nella serie.

Leggi l’approfondimento sul “ Cittadino” in edicola mercoledì 19 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.