Nell’armonia di Murakami la scrittura è a ritmo di jazz

An. Si.

È sempre affascinante entrare nell’officina di un artista e se si tratta dello scrittore giapponese da anni favorito al Nobel ciò diventa una straordinaria opportunità. L’autobiografia non manca di confidenze, suggerimenti e stimoli. Il mondo letterario viene scandagliato con senso critico come un campo versatile aperto a tutti, ma con una difficoltà: rimanerci. I premi, la musica di Thelonious Monk, il processo creativo, i lettori, l’editoria: sembra di entrare col suo stupore in un laboratorio dove a cuore aperto l’autore si rivela senza false modestie, in nome della gioia e della libertà. E se leggere è la prima tappa e la seconda è raccogliere dettagli e magie, scrivere è scendere nella propria coscienza, cogliere minerali preziosi e comporre jazz. Lo stile è intimo e immediato, il dialogo col lettore vero. Inseguendo la perfetta armonia.

Haruki MurakamiIl mestiere dello scrittoreEinaudi Editore, Torino 2017, pp. 186, 18 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.