I lampadàri brilénti de cristàl

Maddalena Negri, Casalpusterlengo

Dònca, son pròpi ‘ndài a véd e sént la Traviata a la Scala de Milàn. Che spetàcul, che meravìglia, che güduria! Me son ‘rsüstàda de müŝica, de belèsa, d’elegànsa, de splendùr. Adès ve cünti tüta la giurnàda: l’èra el cinq de Mars e gh’èra un bel sul. A la matìna, dàto che la Traviata la cumincèva a tri ur del diŝnà, da bràvi paulòti, sém ‘ndài a l’incòntro de spiritualità urganiŝàd a Lod da l’Azione Cattolica per la Quàreŝima. Ghe se vurèva, fermàs a riflèt e a pregà per ringrasià el Signùr di tànti dòni ch’el ne dà, ànca la pusibilità d’andà a la Scala. Gh’ò no tànta léngua per ringrasiàl. La riflesiòn l’à fài don Vincenzo Giavazzi: el n’à riempìd l’ànima e ‘l cör de calùr e serenità. Càrichi de bèi sentiménti, quaŝi sànti, sém ‘ndài a Milan. Sém ‘rivàdi in Piàsa del Dom vèrs meŝdì, la Madunìna la brilèva sùta el sul; me parìva ch’la partecipèva a la me felicità. Curiùŝi, dòpu tant gaŝaghè ch’è stài fài, sém ‘ndài a véd le pàlme ch’i àn piantàd in piàsa del Dom. L’è stài ‘na delüŝiòn perché credèvi da véd una sfìlsa de pàlme rigugliùŝe, invéce i èn un po’ stermìde; tucarà spetà ch’i crèsun, pö i staràn bén: tüte le piànte i èn bèle. Spetém! El Dom l’ém ‘péna saludàd da föra perché gh’èra ‘na cùa trop lùnga de gént in atèŝa. Dòpu sém ‘ndài in un risturàntìn e, in da per nüm tàme dü spuŝìn, òci ni òci, ém fài un bel pransèto. Sütèvi a cürà l’urlòc, na püdèvi pü che ‘rivés l’ùra d’andà nel teàtor ch’i dervìvun a dü ur. Ém fài ‘na futugrafìa cun dedré el manifèst “Teatro alla Scala di Milano. La Traviata di Giuseppe Verdi. Direttore: Nello Santi, Regia di Liliana Cavani, Violetta: Ailyn Pérez, Alfredo: Francesco Meli, Giorgio Germont: Leo Nucci ch’l’è un ludeŝàn. I vist che son pròpi ‘ndài? Ve dò le pròve perché, magàri, ghe credì no. Schèrsi! Apéna me son truàda nel salòn d’ingrès (el se ciàma fuaié) son stài tramurtìda dai lampadàri brilénti de cristàl, dài màrmi, dài òri, dài spèci, dài velüdi, da le stàtue di muŝicìsti famùŝi, me parìva da vìu in ùna còssa. Dòpu avè s-berlugiàd per bén sém ‘ndài n’la sàla del teàtor: che spetàcul! Pultrùn de velüd russ, platéa, pàlchi duràdi, gallerìa, tüt da lüsso. I nòstri pòsti i èrun in galerìa, fila H posti n. 6 e 7, viŝìn al pàlco. La sàla l’èra strapiéna de gént elegànte, ànca nüm sèrom elegànti: mi cul vestìd de séda biànch e nér e ‘l me om cun la müda blö. Fèvom bèla figüra. A tri ur in pùnto le lüŝ i s’èn sbasàde, è ‘rivàd el diretùr d’urchèstra, applàuŝi e è incuminciàd ‘na müŝica da paradìŝ. Me vègnèva i ŝgriŝulòn a séntla e a sént i persunàgi, tüti bravìssimi : el sopràno, el tenùr, el barìtono e tüti i àltri. La tràma la cunusèvi, ma a véd Violetta e Alfredo recità e cantà cun pasiòn l’è stài emusiunànt. Ò apresàd ànca i custùmi ch’ì èrun quèi clàsici del votcént: véstiti làrghi de tùlle e pis tàme i piàŝun a mi. Quand Violetta la mör ‘brassàda al so Alfredo l’è stài cumuvént. Quànti aplàuŝi dòpu le rumànŝe e a la fin, ai cantànti, al diretùr, al’urchestra. È piaŝüd tant ànca al me om ch’l’è no n’amànte de lìrica, ma ch’la müŝica e ch’l’atmusféra i àn ciapàd ànca lü. L’è stài bèl, bèl, bèl e m’la son pròpi gùdüda. Quàtr àti de paradìŝ; i èn pasàdi tàme un sogn. A la fin del spetàcul ém fài amò un girèt nel fuaié, pö sém n’ndài a pasegià in Galleria ch’l’è un salòtto d’elegànsa ànca lü: pavimént e sufìti i èn da lustràs i òci. Sém ‘ndài a béu ‘n’aperitìvo e pö sém turnàdi a cà. I nòstri fiöi i àn imbuciàd un regàl veramént apresàd; gràsie d’avègh pensàd: ò realiŝàd un deŝidéri LA TRAVIATA ALLA SCALA che fin adès sèrom no riesìdi a cuntentà. Magàri v’ò stüfìd, p’rò m’à fài piaŝè cundivìd cun viàltri un mumént de gran felicità, no ‘péna i barbutaménti de quànd son incaplàda.

I LAMPADARI BRILLANTI DI CRISTALLO (Traduzione letterale)Dunque, sono proprio andata a vedere e sentire La Traviata alla Scala di Milano. Che spettacolo, che meraviglia, che godimento! Mi sono appagata di musica, di bellezza, di eleganza, di splendore. Adesso vi racconto tutta la giornata: era il 5 Maggio e c’era un bel sole. Alla mattina, considerato che la Traviata cominciava alle tre del pomeriggio, da bravi “devoti” siamo andati all’incontro di spiritualità organizzato a Lodi dall’Azione Cattolica per la Quaresima. Ci voleva fermarsi a riflettere e a pregare per ringraziare il Signore di tanti doni che ci dà, anche la possibilità di andare alla Scala. Non ho tanta lingua per ringraziarlo. La riflessione l’ha fatta don Vincenzo Giavazzi: ci ha riempito l’anima e il cuore di calore e serenità. Carichi di bei sentimenti, quasi santi, siamo andati Milano. Siamo arrivati in piazza del Duomo verso mezzogiorno; la Madonnina brillava sotto il sole, mi pareva che partecipasse alla mia felicità. Curiosi, dopo tanto parlare che ne è stato fatto, siamo andati a vedere le palme che hanno piantato in piazza del Duomo. E’ stata una delusione perché io credevo di vedere una sfilza di palme rigogliose, invece sono un po’ striminzite; bisognerà aspettare che crescano, poi staranno bene: tutte le piante sono belle. Aspettiamo! Il Duomo l’abbiamo appena salutato da fuori perché c’era un coda troppo lunga di gente in attesa. Dopo siamo andati in un ristorantino e, da soli come due sposini, occhi negli occhi, abbiamo fatto un bel pranzetto. Continuavo a curare l’orologio, non ne potevo più che arrivasse l’ora di andare nel teatro che aprivano alle due. Abbiamo fatto una fotografia con dietro il manifesto “Teatro alla Scala di Milano. La Traviata di Giuseppe Verdi. Direttore: Nello Santi, Regia di Liliana Cavani, Violetta: Ailyn Pérez, Alfredo: Francesco Meli, Giorgio Germont: Leo Nucci che è un lodigiano”. Avete visto che sono proprio andata? Vi do le prove perché, magari, non ci credete. Scherzo! Appena mi sono trovata nel salone di ingresso (si chiama foyer) sono stata tramortita dai lampadari brillanti di cristallo, dai marmi, dagli ori, dagli specchi, dai velluti, dalle statue di musicisti famosi, mi pareva di vivere in una favola. Dopo aver osservato per bene siamo andati nella sala del teatro: che spettacolo! Poltrone di velluto rosso, platea, palchi dorati, galleria, tutto da lusso. I nostri posti erano in galleria, fila H posti n.6 e 7, vicini al palco. La sala era strapiena di gente elegante, anche noi eravamo eleganti: io col vestito di seta bianco e nero e mio marito con l’abito blu. Facevamo bella figura. Alle 3 in punto le luci si sono abbassate, è arrivato il direttore d’orchestra, applausi, è cominciata una musica da paradiso. Mi venivano i brividi a sentirla ed a sentire i personaggi, tutti bravissimi: il soprano, il tenore, il baritono e tutti gli altri. La trama la conoscevo, ma a vedere Violetta ed Alfredo recitare e cantare con passione è stato entusiasmante. Ho apprezzato anche i costumi che erano quelli classici dell’ottocento: vestiti larghi di tulle e pizzo come piacciono a me. Quando Violetta muore abbracciata al suo Alfredo l’è stai commovente. Quanti applausi dopo le romanze ed alla fine, ai cantanti, al direttore, all’orchestra. E’ piaciuto tanto anche a mio marito che non è un amante della lirica, ma quella musica e quell’atmosfera hanno preso anche lui. E’ stato bello, bello, bello e me la sono proprio goduta. Quattro atti di paradiso, sono passati come un sogno. Alla fine dello spettacolo abbiamo fatto ancora un giretto nel foyer, poi siamo andati a passeggiare in Galleria che è un salotto di eleganza anche lui: pavimento e soffitti sono da lustrarsi gli occhi. Siamo andati a bere un aperitivo e poi siamo tornati a casa. I nostri figli hanno trovato un regalo veramente apprezzato, grazie di averci pensato: ho realizzato un desiderio LA TRAVIATA ALLA SCALA che fino ad ora non eravamo riusciti a soddisfare. Magari vi ho annoiato, però mi ha fatto piacere condividere con voi un momento di grande felicità, non solo i borbottamenti di quando sono preoccupata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.