Un màs ad garòfui rùsi: al lù dal Po

Massimo Bassi

Mi pensi che i nòsti paìŝi i gàbiu tűti una storia che vàl là péna da cűntà. Al murtòri d’là Cùrt, fìn a un po’ d’àni fa l’èra pién ad gént chi ripusèvu bèi chiéti mé àngiui, dòpu, anca lùr piàn pianìn iàn fài San Martìn pr’andàgh a dré ai vivi ch’ièn andài a stà via. Adès, in dàl murtòri è restàd sultànt la capéla centràl cùn indrén amò quèl che tanti ani fa l’èra, spòd dì al padròn d’là Cùrt e un’òltra tùmba c’là ghà una storia che vòri cùntàu: Mario l’èra dàl trédaŝ e l’stèva a Milàn cùn la so famiglia, e apéna al ghèva un po’ d’témp lìbar al vegnèva vulentéra a là Cùrt, al pasèva tùt al dì a fa bucà adré a Po e prìma d’andà a cà al sa fermèva a là Curùna a mangià quàtar fét ad salàm e bagnà al bèch cùn un quàl bicér ad vìn bòn.Tradìd in dì so afèti d’là famiglia, la pensàd che èra rivàd al mumént da ciapà un decisiòn definitiva; quèla d’andà a stà a là Cùrt.L’èra un sògn che l’ cuèva urmài da tanti àni e finalmént s’èra presentàd l’ucaŝiòn.Urmài in pensiòn, la sistemàd una caŝetìna indùe ghà stèva n’drén una volta i paiŝàn e lè vegnùd a stà lù.Ghà parìva un’òltar mùnd, gh’èra pù tùt càl vàevé che ghèra a Milàn, al dervìva i finèstar e l’sentìva al ràn e là rusignòla c’là cantèva, mà tàme sémpar sùcéd, anca i ròb bèi i finìsu.Al dutùr l’èva mandàd a fa di esàmi e da lì è saltàd föra quèl che l’sà spetèva mìga.Chisà in d’là sò tésta che ròba al machinèva, ubligàd in un lét d’uspedàl, tùti i sò prugèti i n’dèvu a fàs benedì.L’è stài alùra c’là ciamàd l’òst d’là Cùrt e l’gavarés dì : “ Sént, mì gavarò amò pòch témp dà vìu e vurarési che tàm’fè un piaŝè, gò vìa in banca amò un qualcòs e tà duarési andà a töi pàr pagà al marmurìn pàr fàm fà la mè tùmba e...” L’òst, là fài nò finì da parlà e l’ghà dì: “ Mario, mà sa sèt adré a dì, t’vidarè che chi in d’l’uspedàl i t’cüru pàr bén e quànd ad’ végni a cà tà vè amò mé una légur “.Mario là guardàd e sénsa fa finta d’gnént lè andài avanti a parlà. “ Vurarèsi anca che i soldi che t’vànsi tià druarèsi pàr métam sū la mè tùmba un màs ad garòfui rùsi ad ogni Primo Maggio “.Mario l’èra sémpar stài un comunista e l’ghà tegnèva tànt ai aniversàri pulìtici indùe l’èra cresùd.L’òst al sèva pù sé dì e cùme pàr cercà dà paràla via al ghà rispòst : “ Pròpi a mì tà végni a eŝibìm una ròba dàl génar, tàl sé che mì sòn négar ! “. Cùn amò un fìl ad vùŝ, Mario al ghà rispòst : “ Mà fìdi püsè dà tì che dài mè “. Dòpu un quàl dì, Mario lè mòrt e lè stài saplìd in dàl murtòri d’là Curt a l’ùmbra dà quàtar piantòn e in estàd sa sént i sicàl chì càntu e pàr chì gà fàn cumpagnìa.Da urmài pùsè d’vint’àni, ogni vòlta che végn al Primo Maggio, l’òst al ghà fa truà su la so tùmba un màs ad garòfui rùsi.

UN MAZZO DI GAROFANI ROSSI: IL LUPO DEL PO (traduzione)Credo che ogni paese abbia una sua Spoon River da raccontare, Edgar Lee Masters ha dedicato per ogni persona seppellita nel suo cimitero una poesia sotto forma di epitaffio, io mi limiterò a raccontare una storia semplice che appartiene a Corte S.Andrea.Anche le sepolture di questo camposanto, da tempo hanno seguito l’esodo intrapreso dagli abitanti di questo borgo antico anni prima.Resistono la cappella in posizione centrale di quello che fu un tempo il signorotto e padrone di questo luogo e una semplice tomba con una storia davvero singolare: Mario era del 1913 ed abitava a Milano con la sua famiglia e appena aveva un ritaglio di tempo veniva volentieri a Corte, gli piaceva trascorrere intere giornate a pescare sul grande fiume per poi finire contento la giornata nell’osteria della Corona mangiando pane salame e un buon bicchiere di vino prima di fare ritorno in città.Tradito negli affetti famigliari, decise che era arrivato il momento di fare il grande salto, prese la decisione di trasferirsi definitivamente a Corte S.Andrea, era forse il sogno che covava da anni.Ormai libero dagli obblighi del lavoro, sistemò una vecchia casa che un tempo era abitata dai contadini e vi si stabilì.Fu questa, la scelta più giusta che fece nella sua vita, non più i ritmi e i rumori che la grande metropoli gli aveva sempre imposto, ma ora gli si presentava solo pace con se stesso e molta tranquillità.Apriva le finestre e sentiva il gracidio delle rane e il canto melodioso degli usignoli, ma anche le più belle favole, non sempre hanno un lieto fine, dopo aver fatto dei normali esami clinici, arrivò per lui un triste verdetto.Chissà cosa deve aver pensato la sua mente in quei difficili momenti,la sua voglia di vivere, d’improvviso venne imprigionata in un letto d’ospedale e fu allora che chiese all’oste della Corte se poteva fargli un grosso piacere.Gli si rivolse con estrema lucidità dicendogli: “ Senti, io ho ancora qualche settimana di vita e vorrei chiedere se puoi aiutarmi nell’esaudire i miei ultimi desideri, ho in banca i miei risparmi e vorrei che tu li usassi per andare dal marmista per farmi fare la tomba e …........” L’oste non gli diede il tempo di terminare la frase: “ Ma cosa dici Mario, vedrai che qui in ospedale ti cureranno e tornerai a casa guarito ! “Mario lo guardò quasi con disincanto e riprese il discorso dicendogli: “ inoltre vorrei che i soldi che rimangono, tu li usassi per farmi avere sulla mia tomba ad ogni ricorrenza del 1 Maggio, un mazzo di garofani rossi “ Mario era fiero di appartenere a quella razza degli ultimi ferventi comunisti e teneva particolarmente ai significati storici e politici nel quale era cresciuto.L’oste non sapeva più cosa dire, trovò un’ultima scusante dicendogli: “ Proprio a me vieni a chiedere una cosa del genere, tu sai benissimo che io la penso politicamente in modo opposto alla tua ! “Con l’ultimo filo di voce che gli restava, Mario gli rispose: “ Mi fido più di te che dei miei “.Dopo pochi giorni il vecchio lupo del Po spirò e venne sepolto nel piccolo cimitero della sua Corte S.Andrea da dove,dai quattro cipressi che lo ombreggiano si dipanano nei soleggiati meriggi estivi, i profumi e il frinire malinconico delle cicale che sembrano narrargli antiche leggende del Po.Da più di vent’anni, ad ogni festa dei lavoratori, l’oste della Corona depone un mazzo di garofani rossi, come la fede politica nella quale Mario aveva sempre creduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.