Ogni magnà el vanta la sò bulgia

Modesto Tonani

Nel quint secul prima del Crist s’è cumenciàd a bat el ram; nel Medio evo, in Europa, e da’l 1500 a cà nosta, se gh’à nutisia d’i primi magnàn ch’i girèvu per le casìne ‘ le cà fin a i ültimi ani cinquanta del Növcent. Se gh’dišèva magnàn a l’ om negher ‘me ‘n babau che ’l vanteva la sò bulgia, la caseta d’i fèri che’l purteva ‘n gir vušenda per spantegà la sò arte; sichè, le done, per fà stremì ‘ fiulìn, l’àn ciamad magnàn: da manducare, mangià, furse püsè che da manianus, chi laura cun le man. Pariöi, pignate, culdiröi, broche, sedele per la trumba e pumpe per dagh l’aqua ‘ le vide; scaldalet, üšline, lüm a petroli; tegie per le turte, casüi e casiröle…‘Na volta tüti ‘ atrèsi de cà e de cüšina i èrun de ram, rivestidi de stagn per fà no ’l verderam; siché, ‘dré man ch’ i se smangièvun e gnèva ‘ nöd el ram, che’l feva ven la roba brüsca e i duluri de pansa, i ‘ndevu stagnàdi… Pian pian lot lot riveva ‘l magnan cu’ dré ‘l garšon; tüti dü tenci ‘me mustri d’l’olter mund, ognün cu’ la sò bulgia e ’na pignata lüstra sü la vita, dü scarpòn fèradi, ‘na grama giacheta e’n scusalòn burdegh de rüšna e acid culàd da le pignate; el gros, ciamenda cu’ la vuš sgargajenta per fà parensa de das la giüsta ‘mpurtansa; el picinìn, vantenda ‘l sò bulgìn nel menter el girèva per le cà d’i pori paišàn a cercà almenu ‘na grama pignata da pesà…- Magnàn el magna nero, gh’iu gnent da fà stagnà!? Gh’è chi’l magnàn che ‘l gira per le cà a catà sü le pignate da giüstà. Mè pà el fa ‘l magnàn e mi fò ‘l magnanìn; tüt el dì porti ‘l bulgìn e fò ‘ndà ‘l bufetin. Büši da stupà, uregie da rinfursà, cuèrci da rifà, anéi da saldà, maneghi da rimét a la via…Ne la bulgia gh’era ‘n martél, un martelet, una maseta de legn, ‘na forbes per tajà ‘l ram, ‘na ciudèra per calibrà i ciodi, ‘na lešna, un fèr che fèva da incüdin, un puntiröl, un saldadù p’r el stagn e ‘na tenaja da… magnàn. El babau veg el piantèva l’incüdin e ‘l slarghèva i atrèsi tüt inturnu…- Guai tucà ‘n fèr: el magnàn gros el feva ‘n vèrs che’l metèva pagüra ‘i fiulìn ch’ i s’èru fai in circul per guardà ‘l spetacul che ‘l se cumpiva nel solit cantòn föra dal pasàg d’i cariagi d’la casìna… Vèr mešdì i dü magnàn i rivèvu da ‘n paeš luntàn, i piantevu ‘l manteš, i pisèvu ‘l fögh, i tachèvu a rügà padele ‘ pignate; i fiöi i ‘ndèvu a guardà se’l fèva ‘l magnanìn che pareva ch’l’era ‘dré sufegà ‘n meš al füm. Tant el gros che ’l picinin se vedèva ch’i patìvu un po’ de fam. Sichè, se dišèva che la miseria l’era rivada ‘n piasa, due i picinìn i gh’èvu pagüra de finì sü’l fögh del manteš. Da la bolgia i tirevu föra l’incüdin, el crugiöl e du butiglie de acid müriatich cun tant de testa da mort, ch’la meteva ‘n moto la fantasia d’i fiulìn; fii de ram in quantità, uata, pan de stagn e verghe de piumb. La pignata la ‘ndeva sculdada sü’l fögh e sgürada cu’n stras per destacà ‘l stagn veg. Sgrasàda cu’l’acid müriatich p’r un para de cinch minüti cu’n gran füm negher; sügada cu’n stras de lana o bumbaš e sgüràda cu’ l’aqua e sabia fina. La ‘ndeva ripasada cun d’l’acid e ‘n stras de lana o cutòn. Infin la ‘ndeva stagnàda, sculdenda la pignata sü’l fögh, cu’l stagn pür deslenguàd mis tüt cumpagn; rifinida cu ‘l acid müriatich, pasada amò ‘n a volta cu’l stagn e lüstrada cu l’uata…nel menter el manteš el fèva ‘ndà ‘l fögh. El magnàn tame ‘l mulita e’l spasacamin, el fèva ‘l gir d’le casìne e la cuncurensa la se batèva cun la simpatia; e se d’le volte ‘l truèva da fà bèl… el se fermeva vulentera... ‘na qual ura ‘ l’usteria o, mèj a mò, ‘n d’una stala, in armunia cun le gent ch’i se riünivu per pasà la sira in ecunumia de legna e üšlina. A la Pesgunela, tra le du guere e fin a la fin d’i ani cinquanta el magnàn el riveva’nsema ’ la primavera, vestìd de negher, cu’i fèri del mesté sü’n caretìn, un manteš a manuèla, e sü le spale ’l pariöl lüster, simbul del sò arte. En tèra resteva d’le burline de stagn, lüstre ‘me l’argent, da giügà nel circuito scavàd cu’le tole de cunserva. Sichè, p’r i fiulìn de casìna l’era un po’ ‘na fèsta e un po’ ‘na grama matina, per la falsa pagüra d’ l’umòn che’ l gh’eva la facia tüta tencia, el vestìd negher e ‘l canteva cun la vuš sgargaienta per tirà ‘ trampa la poca clientela e stagnà ‘na qual padela per fagh’la dì a scüngiürà la fam e nempì la gamèla… per sè e p’r el fiulìn che’l gh’èva ‘nsema…Altu magnàn! Storie de sfolcie magnane, pecadi de bragheta e crape rute da stagnà al post de le pignate…

Ogni stagnino vanta la propria bolgia (traduzione)Nel V secolo prima di Cristo si è cominciato a battere il rame; nel Medio evo, in Europa e dal XVI secolo a casa nostra, si ha nozione dei primi stagnini che giravano per le cascine e le case fino agli ultimi anni cinquanta del Novecento. Si chiamava magnano l’uomo nero come un babau che vantava la sua bolgia, la cassetta dei ferri che portava in giro, gridando per pubblicizzare la sua professione; al che, le donne, per spaventare i piccoli, l’hanno chiamato magnano: da manducare, mangiare, forse più che da manianus, colui che lavora con le mani. Paioli, pignatte, brocche, secchie per la tromba e pompe per irrorare le viti; scaldaletto, lampade a olio, lumi a petrolio; teglie da torta, mestoli e casseruole... una volta tutti gli attrezzi da cucina erano in rame, rivestiti di stagno per prevenirne l’ ossidazione. Sicché, quando la progressiva erosione faceva affiorare il rame, si guastavano gli alimenti e si pativa il mal di pancia, si dovevano stagnare di bel nuovo. Lemme lemme arrivava lo stagnino col fido garzone, entrambe tinti come due mostri dell’altro mondo, ciascuno con la propria bolgia e uina pignatta lucida sulla schiena, due scarponi ferrati, una grama giacchetta e un grembiulone imbrattato di ruggine e acido colato dalle pentole; il grande chiamando con voce gutturale per significare di darsi il giusto vanto; il giovane celebrando la sua piccola cassetta mentre girava per le case dei poveri contadini nel tentativo di trovare almeno una pentola da rabberciare...- Magnano el magna nero, nulla da far stagnare? C’è qui il magnano che gira per le case a raccattar pignatte da riparare. Mio padre fa il magnano, io faccio il magnanino. Tutto il giorno porto la cassettina e aziono il soffietto. Buchi da tappare , maniglie da rinforzare, coperchi da ricostruire, anelli da saldare, manici da risistemare... Nella cassetta c’erano un martello, un martelletto, una mazzetta di legno, una forbice per tagliare il rame, una chiodera per calibrare i chiodi, una lesina, un ferro che fungeva da incudine, un punteruolo, un saldatore per lo stagno e una tenaglia da... magnano. Il babau vecchio piantava l’incudine e sistemava gli attrezzi tutt’intorno...- Guai toccare un ferro: il magnano anziano emetteva un grugnito che faceva paura ai bimbi riunitisi per ammirare lo spettacolo che si compiva nel solito angolo discosto dal passaggio dei cariaggi della cascina... Verso mezzogiorno i due stagnini arrivavano da un paese lontano; piantavano il mantice, accendevano il fuoco e cominciavano a maneggiare padelle e pignatte. I bimbi andavano a curiosare l’operato del piccolo stagnino che sembrava stesse soffocando in mezzo al fumo; sia il grosso che il piccino si vedeva che pativano un po’ di fame; tanto che si diceva che la miseria era arrivata in piazza, dove i piccoli temevano di finire sul fuoco del mantice. Dalla bolgia estraevano l’incudine, il crogiolo e due bottiglie di acido muriatico con tanto di testa da morto, che stuzzicava la fantasia dei bambini; fili di rame in quantità, ovatta, pani di stagno e verghe di piombo. La pentola andava scaldata sul fuoco e scrostata con uno straccio per staccare lo stagno residuo. Sgrassata con l’acido muriatico per circa dieci minuti con un gran fumo nero; asciugata con uno straccio di lana o bambagia e lucidata con acqua e sabbia fine. Andava ripassata con acido e uno straccio di lana o cotone. Infine andava stagnata, scaldando la pentola sul fuoco, con lo stagno puro liquefatto e cosparso in modo uniforme; quindi rifinita con acido muriatico, ripassata con lo stagno e lucidata con l’ovatta... mentre il mantice attizzava il fuoco. Lo stagnino, come l’arrotino e lo spazzacamino, faceva il giro delle cascine e la concorrenza si batteva con la simpatia; e se talvolta trovava di che approfittare... si fermava volentieri... qualche oretta all’osteria o meglio ancora in una stalla, in armonia con le persone che si riunivano per passare la sera in economia di legna e olio per il lume. A Pozzobonella, tra le due guerre e fino alla fine degli anni ’50, il magnano arrivava con la primavera; vestito di nero, coi ferri del mestiere su di un carretto, un mantice a manovella e sulle spalle il paiolo lucido simbolo della sua arte. Sul terreno restavano delle palline di stagno lucide come l’argento, per giocare nel circuito scavato con le latte della conserva. Pertanto, per i bimbi della cascina era un po’ festa e un po’ una grama mattina per la falsa paura dell’omone che aveva la faccia completamente tinta, il vestito nero e cantava con voce sgraziata per adescare la poca clientela e stagnare qualche padella per sbarcare il lunario e riempire la scodella per sè e per il garzone che lo accompagnava. Altu magnàn! Fermati stagnino... storie di roncole dalla punta ricurva, botte da orbi, peccati di braghetta e teste rotte da stagnare al posto delle pignatte...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.