Noi, 3700 tesserati dell’Inter, penalizzati dai cori dei tifosi ultrà

Noi, 3700 tesserati dell’Inter, penalizzati dai cori dei tifosi ultrà

«Facciamo come in Spagna, con la panolada»

Caro direttore,

il tifo organizzato nerazzurro non sta offrendo l’immagine migliore di sé. Gli ultrà dell’Inter sono ripetutamente finiti nelle cronache per i loro cori offensivi e prolungati. Nei mesi scorsi abbiamo assistito ripetutamente agli interventi dello speaker per ricordare il rischio sospensione in caso di episodi di discriminazione territoriale e su segnalazione degli arbitri ci sono stati ulteriori interventi per l’uso dei laser sui giocatori.

Le scrivo proprio per questo motivo, a difesa degli oltre 3.700 abbonati che si sono sentiti penalizzati dai cori di questi cosiddetti “tifosi ultrà”. Con i disdicevoli comportamenti di questi ultimi - vedi quanto è capitato lo scorso anno - noi abbonati abbiamo subito un danno, e ora che ha avuto inizio il campionato tutto rischia di ripetersi.

Ma l’Inter, l’Uefa, cosa fanno?

Modestamente sono convinto che i benpensanti (ossia la cosiddetta maggioranza silenziosa) auspicano da tempo una risposta ferma a questi cori oltraggiosi. Si potrebbe fare la stessa cosa che è avvenuta ad esempio in Spagna, dove utilizzano la “panolada”, un fazzoletto bianco che sventolano per protestare ed esprimerr disgusto e disprezzo. Si tratta di una protesta che si è rivelata efficace e che ha avuto anche un riscontro a livello televisivo. È una risposta intelligente e mi meraviglio che finora nessuno ci abbia pensato.

Cordiali saluti

Angelo Tavazzi

tesserato da sempre e socio dell’Inter Cub Brembio

Lodi

Il tema è di scottante attualità. Nessuno tra i nostri lettori vuole intervenire su questo argomento?

“Il Cittadino”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.