Il preoccupante stato del sovrappasso pedonale dei binari

Il preoccupante stato del sovrappasso pedonale dei binari

Stazione ferroviaria di Codogno

Segnalo al vostro giornale l’irrisolto, da anni, problema dello stato manutentivo del sovrappasso pedonale che attraversa i binari alla stazione di Codogno, le immagini che allego credo siano autoesplicative. (Le immagini su Google Maps sono molto vecchie e non testimoniano le condizioni attuali).

Lo stato del manufatto, percorso da molti pendolari ed inter alia scarsamente illuminato sul lato che da su Viale Trivulzio, induce spesso l’utenza a raggiungere o lasciare la stazione ferroviaria, passando dal cancello FF.SS., quasi sempre aperto, che affaccia su viale Trivulzio medesimo ed il cui utilizzo è in teoria vietato perché consente l’attraversamento dei binari sul piano massicciata, quindi in condizioni di oggettivo pericolo.

La risposta standard dell’amministrazione cittadina - intesa in senso lato poiché il Sindaco non risponde mai nè in prima persona nè attraverso una segreteria nemmeno se ci si rivolge direttamente a lui ma questo è solo un problema di cortesia - la risposta dicevo, alle segnalazioni/lamentele dell’utenza è che la competenza e/o le autorizzazioni ad operare e/o la responsabilità della struttura sono della Sovraintendenza ai Beni Culturali o altro Ente statale dalla/dai quale/i, si attendono sempre pareri e risposte che parrebbero, allo stato delle cose, non arrivare mai.

Ora, posto che ciò sia vero - e non ho ragione alcuna per dubitarlo - credo che un’amministrazione assennata ed attenta, peraltro già molto attiva nell’organizzazione di feste della birra, street food events, concerti con gruppi musicali in disarmo, bazar e mercatini vari, insomma una gestione davvero panem et circenses, dovrebbe comunque attivarsi in maniera “energica” ad una soluzione, temporanea o definitiva che sia, del problema raccogliendo, di questo sono certo, il plauso della cittadinanza tutta.

Vi ringrazio per l’attenzione e vi saluto.

Con viva cordialità.

Maurizio Longini
Codogno

© RIPRODUZIONE RISERVATA