Non sia la Regione a favorire l’apertura della sala scommesse

Non sia la Regione a favorire l’apertura della sala scommesse

San Bernardo a Lodi

Constato che solo sulle pagine del Cittadino e in particolare in quelle delle lettere tiene banco la discussione riguardante la possibile apertura di una sala scommesse a pochi passi di distanza dall’oratorio parrocchiale di San Bernardo a Lodi. In questi giorni mi sono sentita dire che la sala scommesse aprirà di sicuro, perché, a fronte di un regolamento restrittivo approvato dal comune di Lodi, esiste una legge regionale che sarebbe molto più di manica larga.

So per certo che nei mesi scorsi è stata approvata dalla Giunta di Regione Lombardia, su proposta di Stefano Bolognini, assessore a Politiche sociali, abitative e Disabilità, la convenzione con l’Ufficio scolastico regionale per il sostegno ai progetti di sensibilizzazione nelle scuole di contrasto al gioco d’azzardo per l’anno scolastico 2018/2019.

So anche per certo che la Regione Lombardia ha sempre testimoniato di essere in prima linea nel contrasto al gioco d’azzardo patologico e si è impegnata a mantenere i tempi per raggiungere gli obiettivi prefissi. Dopo gli 8,5 milioni di euro a suo tempo stanziati c’è stata anche l’approvazione della convenzione con l’Ufficio scolastico regionale lombardo. L’obiettivo è di fare promuovere nelle scuole dei percorsi di sensibilizzazione e di formazione per la lotta alle ludopatie.

Da una recente ricerca risulta che un giovane su due in Lombardia dichiara di aver giocato d’azzardo. Il coinvolgimento del sistema di istruzione nella figura di docenti, studenti e genitori permette di svolgere un’azione capillare di prevenzione che può essere efficace nel presente ed essenziale per le generazioni future.

Saranno le leggi della Regione a favorire l’apertura della sala scommesse di fianco all’oratorio? Mi auguro proprio di no. I nostri consigliere regionali si prendano a cuore il problema. Cordiali saluti

Angela Maria Medri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.