Ecco i varchi: la zona rossa dei dieci comuni ora è blindata

Ecco i varchi: la zona rossa dei dieci comuni ora è blindata VIDEO

Si entra e si esce solo col permesso della prefettura, ma non mancano falle e momenti di tensione

Cristiano Brandazzi

E alla fine i varchi sono arrivati. Non senza difficoltà. La zona rossa dei dieci comuni adesso è completamente blindata. Non si entra e non si esce, se non in possesso del permesso della prefettura. Non mancano tuttavia le criticità, come alla rotonda di Guardamiglio: percorrendo la via Emilia in arrivo da Casale, uno dei dieci centri “nel mirino”, fino a ieri sera non c’era nessuna pattuglia.

Tutta inizia da Ospedaletto

È la rotonda sulla 234 all’altezza di Somaglia il check point “Charlie”. Una barriera formata dai mezzi e dagli uomini di finanza, carabinieri e polizia. Tanti i camion che vengono rispediti indietro. Senza autorizzazioni non si passa per andare a scaricare. In autostrada non ci sono ancora i messaggi di blocco della circolazione esterna. Un autotrasportatore se ne va visibilmente arrabbiato, facendo il gesto della pistola: «Sparatevi» urla dal finestrino. In ingresso alla zona rossa i controlli insomma sono rigidi: in tutta la mattinata non transita nessuno per la strada Mantovana a casale. I camion sono verificati a uno a uno, con i documenti di trasporto e nel dubbio con un’ispezione visiva.

Un tir diretto alla Lidl con un carico di bevande non di prima necessità è rispedito indietro. E nella zona rossa è vietato anche il transito, chi è diretto a Guardamiglio o San Rocco, a Piacenza o Cremona, viene dirottato in autostrada.Si sente parlare in francese e in spagnolo: sono le troupe arrivate da tutta Europa per raccontare questa emergenza. Gli agenti spiegano con decisione e cordialità quelle che sono le norme. Una signora arriva da Mairago con il cibo per la colonia felina di Somaglia. Ovviamente non può fare nulla. «Ma chi darà da mangiare a quei poveri gatti?», si lamenta. Arrivano tre squadre di Sal. Stop anche per loro. Hanno tutti le mascherine. Devono raggiungere la sede di Casale per riprendere i mezzi da utilizzare negli interventi di manutenzione. Passano i furgoni degli alimenti freschi e i camion del latte.

Un caffè per i “ragazzi”

A Zorlesco, lungo la via Emilia, è tutto più facile. C’è solo una pattuglia. Una signora deve recarsi in ospedale a Lodi per una medicazione. Passa. Un anziano che abita in una villetta a ridosso della strada arriva con un vassoio e due caffè per i finanzieri. Ringraziano sentitamente ma non possono prendere nulla. Passa un podista che imbocca la stradina di campagna lì vicina. In tutta la zona rossa si vedono decine e decine di persone, a piedi o in bicicletta, lungo le ciclabili. Un modo per esorcizzare la paura e scaricare la tensione.

Caos a Guardamiglio

La situazione all’imbocco dell’autostrada non è delle migliori. Forse perchè c’è poco spazio per le manovre dei mezzi pesanti costretti a tornare indietro. Un agente di polizia si mette al telefono con la Società autostrade per attivare subito le informazioni relative al blocco. I lavoratori delle aziende di Guardamiglio a ridosso della zona rossa chiedono informazioni su come comportarsi: un responsabile arriva in bicicletta dai vicini capannoni. «Sa - dice - non vorrei certo non poter tornare a casa». Arriva un tecnico di Rfi. Deve entrare nella zona rossa per un intervento sulla linea ad alta velocità dopo la tragedia di Livraga. Deve aspettare l’ok per passare.

Tra Lodigiano e Cremonese

A Maleo il blocco si trova alla rotonda di Pizzighettone, comune cremonese dove risultano esserci alcuni casi positivi. Qui il traffico è costituito soprattutto da lavoratori dei campi e artigiani. Per fermare i mezzi qui usano un piccolo triangolo. «Devo tornare a Milano, non so come fare», si lamenta un automobilista. «Meglio utilizzi la Paullese e non l’autostrada da Cremona» gli suggerisce un pensionato che se ne sta lì a guardare un po’ quello che succede. A Bertonico i blocchi sono due, sulla 591 all’altezza del ponte e sulla 26 alla Colombina dove nel pomeriggio si vive qualche momento di tensione perchè un 76enne di Castiglione con la moglie vuole passare comunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.