Fém parlà Mariangelo Buttafava, l’èra ’na bèla persùna e mài banàl

Fém parlà Mariangelo Buttafava, l’èra ’na bèla persùna e mài banàl

In tre poesie il ricordo di un uomo che ha lasciato il segno a Casale

Fém parlà lü.

DOMENICA // Prufüm de lèss mis a bùi / védri impanàdi / ne la cüŝìna picinìna. /Te m’l’èvi mai dì, / ma la so che t’el fèvi apòsta per mi. / “Fèrmot chi… N’ò fài tant. / E pö gh’è la Mésa a la televiŝiòn. / Tè, la to cadréga, / tè el to bicér”. / E mi guardèvi le to man bèle… / tüte le scüŝe i èrun bùne / pür da tégnom lì cun ti. / Dun sèt adès, che / gh’ò ‘mò biŝogn de ti…/ Dun sèt Màma? //

Tenerésa e nustalgìa

PINO // Musche che i nudèvon nel lat tiépid / pan vecc che el nudèva nel lat cald…/Lé la te gratèva i to bèi cavéi e la to düra bàrba, / che apéna la duménica te se fèvi… / pö la te tirèva el to capél ŝlavàd / e la to sciàrpa ŝmangiàda… / Sèt prunt? / Dèrv… và . / Dìu che fréd… / I mèrlu i tremèvun, / el sul el fèva tàrdi a vén sü / dalla pànsa d’la tèra, / cun lé cla te vuŝèva “cur Pino che gh’ém fam”. / E quànd te n’dèvi a cà la sìra / un ruŝàri el te spetèva… / Alùra Pino, perchè te sèri sémpor insì cuntént?”

Cla puéŝìa chi, à scrit Buttafava, l’ò dedicàda a me ŝìu Pino e a tüti quèi ch’i àn pasàd bùna part d’la so vìta ni càmpi e ni casìn.

SO PÜ DU ‘NDÀ // Finalmént son rivàd a Caŝàl… / Porcucàn, p’r andà a cà / l’er méi che girèvi chi dun gh’è el cimiteri / ma sèri sùra pensiér / e adès ‘sa fòia? / Vo drit o gìri vèrs Piàsa Mòrta, / ma sì girém chi, dòpu vedarém. / Tant gh’ò el témp da pensàgh, gh’ò déŝ minüti de semàfori! / Dònca ‘sa fo, / ‘rìvi davànti a Bumbòs, vo da chi o da là? / Forse l’èr méi che pasèvi da San Roch, / se rièsi a fam no schisà in méŝ ai camion e pö / gh’ò mìga adré la scòrta, e son un po’ indiféŝ… / Ma ‘l set ch’l’è bèla… so pu du ‘ndà. / Al set se fo ? / Me fermarò a béu un qualcos per tiràm sü / ma so no dun mét la màchina: / Gént vurì che ve dìŝi una ròba? / Col nuovo Put, o sénsa Put /mi a Caŝàl so pü du ‘ndà! / Sòia da fà! //

(“Put” Piano Urbano del Trafìc)

Gh’è tüta la so irunìa!

Ve ripòrti tri puéŝìe de Mariangelo Buttafava, de Caŝàl, mort quàlche stémana fa.

L’èra scritùr e poéta in italiano e in dialèt; apasiunàd de stòria, de àrte, de teàtor; el se interesèva del suciàl, vuluntàri n’la Croce Casalese e… tànti àltri rob. Una so fierésa l’èra quèla da és stài carabiniér, el se sentìva sémpor carabiniér.

L’ò frequentàd per tànti àni nel Gruppo ProLoco Poesia de Caŝàl, e ò pudüd apresà la so cultüra, gentilésa, discresiòn, irunìa, sensibilità. I so discùrsi èrun mài banài Le so batüde, cun la “erre” un po’ rutùnda, i te strapèvun un surìŝ.

‘Na bèla persùna ch’à lasàd un ségn a Caŝàl, un ségn de stìma e de afèt che deŝmentegarém mài.

LA TRADUZIONE

Facciamo parlare lui.

DOMENICA // Profumo di lesso messo a bollire / vetri appannati / nella cucina piccolina. / Non me l’avevi mai detto, / ma lo so che lo facevi apposta per me. / “Fermati qui… Ne ho fatto tanto. / E poi c’è la Messa alla televisione. / Ecco la tua sedia / ecco il tuo bicchiere”. / E io guardavo le tue mani belle…/ tutte le scuse erano buone / pur di tenermi lì con te. / Dove sei adesso, che / ho ancora bisogno di te… / Dove sei Mamma? //

Tenerezza e nostalgia

PINO // Mosche che nuotavano nel latte tiepido / pane vecchio che nuotava nel latte caldo…/ Lei strofinava i tuoi bei capelli e la tua barba dura / che appena la domenica ti facevi… / poi ti tirava il tuo cappello slavato / e la tua sciarpa consumata…/ Sei pronto?/ Apri…va. / Dio che freddo… / I merli tremavano / il sole faceva tardi a salire / dalla pancia della terra,/ con lei che ti gridava “corri Pino che abbiamo fame”./ E quando andavi a casa alla sera /un rosario ti aspettava… /Allora Pino, perché eri sempre così contento?//

Questa poesia, ha scritto Buttafava, l’ho dedicata a mio zio Pino e a tutti coloro che hanno passato buona parte della loro vita nei campi e nelle cascine.

NON SO PIÙ DOVE ANDARE // Finalmente sono arrivato a Casale… / Porcocane, per andare a casa / era meglio che giravo qui dove c’è il cimitero / ma ero soprappensiero /e adesso cosa faccio? / Vado dritto o giro verso Piazza Morta / ma sì giriamo qui, dopo vedremo. / Intanto ho tempo di pensarci, ho dieci minuti di semafori! / Dunque cosa faccio / arrivo davanti a Bombozzi, vado di qui o di là? / Forse era meglio che passavo da San Rocco / se riesco a non farmi schiacciare in mezzo ai camion e poi, / non ho la scorta e sono un po’ indifeso.. / Ma sai che è bella… non so più dove andare. / Sai cosa faccio? / Mi fermerò a bere qualcosa per tirarmi su / ma non so dove mettere la macchina: / Gente volete che vi dica una cosa? / Col nuovo Put o senza Put / io a Casale non so più dove andare! / Cosa devo fare! //

(“Put” Piano Urbano del Traffico)

C’è tutta la sua ironia!

Vi riporto tre poesie scritte da Mariangelo Buttafava, di Casale, morto qualche settimana fa. Era scrittore e poeta in italiano e dialetto; appassionato di storia, di arte, di teatro; si interessava del sociale, volontario della Croce Casalese e… tante altre cose. Una sua fierezza era quella di essere stato carabiniere, si sentiva sempre carabiniere.

L’ho frequentato per tanti anni nel Gruppo Pro Loco Poesia di Casale, e ho potuto apprezzare la sua cultura, gentilezza, discrezione, ironia, sensibilità. I suoi discorsi non erano mai banali. Le sue battute, con la “erre” un po’ rotonda, ti strappavano un sorriso. Una bella persona che ha lasciato un segno a Casale, un segno di stima ed affetto che non dimenticheremo mai.
Maddalena Negri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.