I Big Man James danno la carica all’Italia con Eugenio Finardi

I Big Man James danno la carica all’Italia con Eugenio Finardi

Il trio codognese protagonista di un video con altre anime blues della “zona rossa” per dare un messaggio di speranza

Luisa Luccini

Il trio codognese dei “Big Man James” in video assieme a un grandissimo della musica come Eugenio Finardi. È un messaggio forte di fiducia quello veicolato dal nuovo video lanciato dall’Italian Blues Union, versione grintosissima di un brano stra-cult come “Let the good times roll” che ha voluto riunire simbolicamente musicisti di alcune tra le zone del Nord più colpite dal Covid 19. Da Codogno a Bergamo, da Padova a Milano. Ovvero: i Big Man James dalla cittadina della Bassa, la cantante Veronica Sbergia da Bergamo, il pianista Max Lazzarin da Padova e il grande Eugenio Finardi da Milano. Un “filo rosso” d’eccezione, per un video visibile su YouTube e presentato dal critico e giornalista Carlo Massarini, tra i massimi esperti italiani di cultura musicale.

«Felicissimi di aver avuto la possibilità di suonare al fianco, ovviamente virtuale, di questi importanti musicisti – sottolineano i Big Man James, gruppo formato dai codognesi Giacomo Cassoni (chitarra e voce, è il “big man James” del trio), Michele Zanoni (basso) ed Emanuele Corbellini (batteria) -. L’onore di aver suonato con un grandissimo della musica italiana come Eugenio Finardi ci rende orgogliosi, così come siamo grati di aver collaborato con Max Lazzarini e Veronica Sbergia, musicisti appassionati che hanno scritto e stanno scrivendo la storia del blues Italiano». Tutti i musicisti hanno cantato e suonato dalle proprie abitazioni, il mixaggio audio delle diverse esecuzioni è stato poi eseguito dallo stesso Cassoni, per un video masterizzato dal codognese Andrea Zetti.

Leggi l’articolo sul “Cittadino” in edicola martedì 12 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.