Zeni disegna per chi ha il cuore d’oro

Zeni disegna per chi ha il cuore d’oro

Il lodigiano regalerà una sua opera a chi farà donazioni a un ospedale

Lodi

Un’illustrazione d’autore in cambio di una donazione a un ospedale italiano in prima fila nella lotta contro il Covid-19. È l’idea lanciata da Alan Zeni, l’eclettico artista lodigiano noto per i suoi “Baci”, disegni raccolti in quattro libri per «raccontare un’emozione che potesse stare in tasca». Ai tempi del coronavirus i baci sono vietati, ma le emozioni possono comunque circolare, anche su un supporto digitale. E così Alan ha dato ulteriore sfogo al suo «arcobaleno di creatività» realizzando un’illustrazione che diventa simbolo dello slogan “distanti ma vicini”, il mantra di questi giorni sospesi. Due persone, disegnate con il tipico tratto semplice e fiabesco, che si mantengono alla giusta distanza ma che allo stesso tempo allungano metaforicamente le braccia per incontrarsi: nel mezzo una corona, icona del maledetto virus, e una scritta, “Together ”, “Insieme”, che domina sul resto.

Zeni regalerà l’immagine, mandandola direttamente via Whatsapp o via mail, a tutti coloro che ne faranno richiesta e che potranno dimostrare di aver effettuato una donazione, dai 10 euro in su, a un ospedale che in questo momento è in trincea contro il virus. «È un modo per tentare di abbattere le distanze, per dire a qualcuno che lo sentiamo vicino nonostante il periodo di isolamento – racconta l’artista lodigiano -. E, naturalmente, per cercare di raccogliere fondi a favore degli ospedali. L’idea era nata lo scorso 19 marzo in occasione della festa del papà: ho avuto molti riscontri, così ho deciso di proseguire dando una nuova forma al progetto. Tutte le illustrazioni vengono personalizzate: su ogni figura compare la lettera iniziale dei due protagonisti».

Per contattare l’artista basta cercare il suo profilo Instagram (alanzeni25) e mandargli un messaggio con la ricevuta della donazione. «Finora ho ricevuto parecchie richieste, c’è chi ha versato 10 euro e chi 300, secondo le proprie disponibilità. L’importante è che le donazioni continuino perché ce n’è assoluto bisogno. Ho voluto trasformare l’arte in qualcosa di utile in un aiuto a livello sociale. In questo momento la creatività deve essere al servizio di tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.