Zeni manda un “bacione” a Firenze
Un’opera di Alan Zeni a Firenze

Zeni manda un “bacione” a Firenze

I muri della “culla del Rinascimento” sono tappezzati dalle opere dell’artista lodigiano

Fabio Ravera

Manda un bacione a Firenze. Anzi, appendi un poster gigante con i “Baci di ZA”. E quale occasione migliore di San Valentino, la festa degli innamorati? Da qualche giorno la città di Dante è tappezzata con le illustrazioni firmate da Alan Zeni, il vulcanico artista lodigiano da sempre alle prese con un «arcobaleno di creatività» che lo ha portato a cimentarsi nelle attività più disparate.

Uno dei “Baci” di Alan Zeni a Firenze

I suoi “Baci” sono nati per raccontare «un’emozione che potesse stare in tasca», poi sono stati raccolti in quattro libri (andati letteralmente a ruba anche tra i vip: Chiara Ferragni, Jovanotti, Paola Barale, Claudio Cecchetto, Brunori e tanti altri hanno mostrato orgogliosamente una copia su Instagram) e proposti anche su grandi murales a Cala Gonone, a Pietrasanta, in Franciacorta e, più di recente, nel quartiere di Montmartre a Parigi.

Ora i “Baci” hanno conquistato Firenze. Fino a domenica alcune vie ad alta percorrenza del capoluogo toscano saranno “addobbate” con dieci poster di 6 metri per 3 raffiguranti “Baci” creati per l’occasione con espliciti richiami alla storia, alla cultura e al folclore della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.