«Ne le campagne l’ancura de salvatag l’era la famiglia»

«Ne le campagne l’ancura de salvatag l’era la famiglia»

L’italia del boom economico e della miseria negli anni del Dopoguerra

Nd’la storia nasiunal i ani ’50 i gh’àn miga trop da dì: i eru i ani d’una Nasion ch’eva ‘pena pers la guera; l’Italia l’era sfinida e la ricustrüsion l’era ‘mò luntana. E men che men, cu’l cuntribüt d’la nosta inventiva e d’l’indüstria in general, nas strade, fabriche, se ripia ‘l cumèrc e la qualità d’la vita la migliura fin al ’58, quan ripartìs la ricustrüsion de cità e quartieri distrüti da le bumbe e ne le fabriche se tra ‘nsema de tüt, sü’l mudèl american. Riva la Vespa, la Ses’cent a rate, ne le cà cumpar la television, ‘nsema ‘ San Remo e ai futurumanši ch’i robu ‘l cӧr d’le serve da culur…

Ma, cume semper, ne la campagna ‘nventada da gli dei, le robe i fan fadiga ‘ vegn a vüna e se scapüsa semper ne l’ignuransa urmai suvrana. E men che men, ‘Disgràsia del lù, furtüna d’la vulp’, riva le machine e la campagna la cumincia ‘sufrì; l’ocüpasion la cala dal 45 al 30% e pian pian lot lot va tüt a munfurlon… Sichè, semper püsè, la se nempìs de gent sbandada che gira ‘cercà ‘l toch, testimuniansa del lament d’un mund ch’à pers urmai la sò fisiunumia quarciada d’armunia e de puesia, due tüt l’era de tüti e se viveva secund el ritmo d’le stagion, ‘renta ‘l camin, ‘n d’i campi a vultà ‘l fen o ‘n ceša ‘ tӧ la Perdunansa la festa del Patron…

E men che men, storie de pori diauli ch’eva pasad i migliuri ani d’una giuentü sfürtünada en prešon a la mercè de quei che sü la carta eva vensüd la guera ‘ scapit d’una vita urmai strüsiada da quela che se scuprirà vès la mania de süpremasia de quater süpersü, siamesesia. - El Puvret l’è vün che trà ‘nsema poch o ch’l’è ‘nsì ‘n tera da viv in miseria la sò infelicità. E ’na man che se slunga ‘ cercà la carità l’è ’na scurtelada ‘ la dignità de l’om che se smangia la cusciensa p’r un sold che ghe perpetüa la suferensa. E per la magiur part pasem davanti tüti sensa fà gnan parensa, cumplici cunvinti d’la sò indigensa… e, magari, sem ‘dré ‘ndà ‘n ceša ‘ bašà la balaüstra e tӧ la perdunansa an p’r un pecad che sa de ingiüstisia e preputensa: - Trista ‘ chi la ghe tuca, ma s’em da fà, la gügia l’è rebuca, tucarà miga semp’r a nüm; che pӧ, ‘n du l’è sta nuità, l’è ‘nsì da che gh’è mund: la guèra l’è la mama de tüte le puvertà e ‘l puvret l’è semper stai mis al cartèl, püsè ne le campagne che ne le cità, due puvertà vureva dì isulament, malatia, inedia e ris’c de perd la vita… specialment quan el pauper el diventèva infirmus e’l gh’èva bisogn de sustegn. Ne le noste campagne l’ancura de salvatag l’era la famiglia, semper greva e piena de bisogn ma ünida ‘nturn a ‘n taul che seva de miseria, speransa e fed ne la Divina Pruidensa. Se scumbateva p’r el minim necesari, la dignità de l’om e un San Martin a l’an che treva ‘ müc tüs cos: - A la cadena lighi le vache, chì la porta e là ‘l cancel. Una bareta cargada de miseria la segneva ‘l pas d’una famiglia che ‘ndeva ‘ncuntra ‘l sò destin fai sü ‘n d’la nebia fregia e malfidenta che quarcieva ‘l mund. E al mercad d’la Cara Vü gh’er tüt de veg, cumpagn de l’an adré: ‘na cà ‘n filada e ‘na pulenta scrӧja per inganà le tante buche d’i pori dišnà che se ‘ngarbieva ‘ metà d’ogni giurnada. E un por pulè, l’ort e quater rane da mundà i fevu ‘l necesari per tirà là in unur del mund. Nel menter, per merit d’i soliti ‘Maladi de prugrès civil’, e men che men nel segn d’una mision ch’la riva da luntan, nas le prime liste d’i puvreti vütadi dal cumün e da le suore ‘d’le rave de chel tal Gaüdensi patron d’una cešina spersa ‘n mes a’n busch. Per le spešine de cà, la curiera p’r una visita ‘n cità e ‘n qual aiüt fӧra da l’urdinari gh’era l’Eca del paìs. Tüti ‘dišnà ‘na calca de pori diauli quarciadi a la bel e mej i se setevu al taul ne la speransa de rescӧd un piat de minestra del pignaton che Madre Giuanina e madre Richeta i distribüivu fin a la fin d’l’elevasion d’i cüciari ch’i sunevu sü d’le scüdele lüstre tame spegi ‘pena puciade cu’ n mursel de pan. E tüti ‘ dì quei che s’trueva ‘ cercà ‘l toch i eru semper de lur, sichè, naseva ‘n ‘oltra volta la vӧja de stà ‘nsema, nel menter se rinueva la pasion d’la mè Cirlin ch’l’eva purtad le fete de patati rustidi p’r un dišnà ai pori mucugnèla d’la casina de Vigé. Ma setàs nel refetori del bisogn per la fiulina l’è restàd un sogn: Madre Maria la mandeva ‘ cà de lena cu’la schiseta sburienta da mama Marieta, en let perché semper cunfencia. E quel che Diu vӧr, a scapit d’un mund fai sü ‘n d’i strasi, a scola de pà Giuanin, amìs del popul, creseva ‘ vista d’ӧg un curin bel che gh’eva per statüt una pasion: l’amur p’r el prosim, ch’la purtarà un po’ ‘npertüt nel nost teràs bašad dal sul, financh el dì d’Nadal ne la cità de Sant’Ambros a distribüì ‘ dišnà a le pore gent che nel fratemp e per diverse rešon stavolta i rivu anca da püsè luntan.

LA TRADUZIONE

Nella storia nazionale gli anni ’50 non hanno molto da dire: erano gli anni di una nazione che aveva appena perso la guerra; l’Italia era sfinita e la ricostruzione ancora lontana. E nondimeno, col contributo della nostra inventiva, e dell’industria in generale, nascono strade, fabbriche, riprende il commercio e la qualità della vita migliora fino nel ’58, quando riparte la ricostruzione di città e quartieri distrutti dalle bombe e nelle fabbriche si produce di tutto, sul modello americano. Arriva la Vespa, la Seicento a rate, nelle case compare la televisione, insieme a San Remo e ai fotoromanzi che rubano i cuori delle serve da colore…

Ma, come sempre, nella campagna inventata dagli dei, le matasse si dipanano a fatica e s’inciampa comunque nell’ignoranza ormai sovrana. Pertanto, ‘Disgrazia del lupo, fortuna della volpe’, arrivano le macchine e la campagna comincia a soffrire, l’occupazione scende dal 45 al 30% e progressivamente, tutto si disgrega… Nondimeno, sempre più si riempie di gente sbandata in cerca di cibo, testimonianza del lamento di un mondo che ha perso ormai la sua identità intrisa d’armonia e poesia, dove tutto era di tutti e si viveva al ritmo delle stagioni, vicini al camino, nei campi a girare il fieno o in chiesa per comunicarsi la festa del Patrono… Tutto sommato, storie di povera gente che aveva trascorso i migliori anni di una gioventù sfortunata in prigione, alla mercè di chi sulla carta aveva vinto la guerra a scapito di una vita ormai distrutta da quella che si scoprirà essere la mania di supremazia di pochi esaltati, e così sia. – Il povero è uno che ha combinato poco o quanto meno così malridotto da vivere in miseria la sua infelicità. E una mano che si allunga a chiedere la carità è un fendente alla dignità dell’uomo che si corrompe la coscienza per un soldo che gli perpetua la sofferenza. E, perlopiù, passiamo davanti tutti senza una piega, complici convinti della sua indigenza… e, magari, stiamo andando in chiesa a ‘baciare la balaustra’ e chiedere perdono anche per un peccato che sa di ingiustizia e prepotenza: - Triste a chi tocca, ma cosa ci possiamo fare, l’ago è spuntato, non toccherà sempre a noi; che poi, dov’è sta novità, va così da che c’è mondo: la guerra è la mamma di tutte le povertà e il povero è sempre stato messo alla gogna, più nelle campagne che nelle città, dove povertà significava isolamento, malattia, inedia e rischio di perdere la vita… specie quando il ‘pauper’ diventava ‘infirmus’ e necessitava di sostegno.

Nelle nostre campagne l’ancora di salvezza era la famiglia, sempre onerosa e in debito d’ossigeno, ma unita attorno a un tavolo profumato di miseria, speranza e fede nella Divina Provvidenza. Si lottava per il minimo necessario, la dignità dell’uomo e un trasloco che scombinava tutto: - Alla catena lego le vacche, qui la porta e là il cancello. Una baretta carica di miseria segnava il passo di una famiglia che andava incontro al suo destino, avvolto nella nebbia gelida e ruffiana che copriva il mondo. E al mercato del giorno dopo era tutto troppo uguale all’anno prima: una casa a schiera e una polenta grossa per ingannare le tante bocche dei poveri pranzi che si imbastivano ogni metà del giorno. E un povero pollaio, l’orto e quattro rane da mondare servivano a malapena per tirare avanti. Nel contempo, per merito dei soliti malati di progresso civile, e nondimeno, nel segno di una missione che arriva da lontano, nascono le prime liste dei poveri aiutati dal comune e dalle suore delle rape di quel tal Gaudenzio patrono di una chiesetta sperduta in un bosco. Per le spesine di casa, la corriera per una visita in città e qualche imprevisto, c’era l’Eca del paese.

Tutti i giorni una calca di poveri diavoli coperti alla bell’e meglio sedeva al tavolo nella speranza di racimolare un piatto di minestra dal pentolone che Madre Giuanina e Madre Richeta distribuivano fino all’ultimo tintinnio dei cucchiai sulle scodelle lustre come specchi, inzuppate avidamente da un morsello di pane. E tutti i giorni quelli che si radunavano per la minestra erano sempre gli stessi, sicché, si confermava la voglia, e l’importanza, di stare assieme, mentre si rinnovellava la passione della mia Cirlin che aveva portato in dono, per pranzo, le fette di patate arrosto ai poveri mocciosi della cascina Uggeri. Sedersi nel refettorio del bisogno per la bambina è rimasto un sogno! Madre Maria la mandava a casa di gran lena da mamma Mariuccia, allettata perché sempre malata. E, ‘Fiat voluntas tua’, con buona pace di un mondo avvolto negli stracci, a scuola da pà Giuanin amico del popolo, cresceva a vista d’occhio un cuoricino che aveva per statuto una passione: l’amore per il prossimo, che porterà per ogni dove nel nostro terrazzo baciato dal sole, persino il giorno di Natale nella città di Sant’Ambrogio a distribuire i pasti alla povera gente che, per diverse ragioni, ora arriva anche da più lontano.
Modesto Tonani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.