«Ànca st’an per Nadàl ò scrit ‘na puéŝìa per i me neùdi»

«Ànca st’an per Nadàl ò scrit ‘na puéŝìa per i me neùdi»

«Anche quest’anno, per Natale, ho scritto una poesia per i miei nipoti»

Ben ‘rivàd Dümìlavint! Sü cun la vìta e avànti. Nadàl l’è pasàd serenamént in famìglia sùta i òci del Bambìn nel preŝépi. L’ò gnamò desfàd, me piàŝ trop el me preŝépi pién de statuìne: pastùri, pégure, dòne, lignamè, umbrelè, sunadùri, pulentè,….. végi e fiuléti, persùn e persunàgi d’ògni generasiòn ch’i van a truà n’la capàna Geŝü apéna nasüd, pustàd tra la Madòna, san Giüŝèp, el bö e l’àŝu.

Me piaŝarés che ànca al dì d’incö tànti i füdés in viàg vèrs el Signùr ch’lè vegnüd sü la Téra per amùr de tüti i òmi. Tàme me rincrés desfà el preŝépi! Ògni an la m’è ŝdrüssia sémpor püsè mét le statuìne nel scatulòn ‘ndùe i durmaràn fin al Nadàl d’l’an che végn. Adès pensém a l’an nöu apéna cuminciàd; sperém che le preocupasiòn i gàbiun da és süperàde e ch’el pòrta pàce e giüstìsia in tüt el mund.

Supratüt pénsi ai giùni ch’i gh’àn davànti la vìta; véd i òci di fiulìn ch’i brìlun de felicità l’è tàme véd el Paradìŝ. I me neùdi i èn diventàdi gràndi, el püsè giùn el gh’à quìndos àni, l’è pü un fiulìn, ma un umét, p’rò a tüti ghe piàŝ amò végn dài nòni a fas cuculà. Ànca st’an ò scrit ‘na puéŝìa per ognidün; püsè che puéŝìe i èn dichiarasiòn d’amùr per lur e tra le rìghe méti sudisfasiòn per le so qualità e quàlche tiradìna d’urèc p’r i difèti ch’i gh’àn da curég. Gh’i’ò dài a la sìra d’la vigìlia de Nadàl quànd se sém truàdi a cà nòstra per distribüì i regài. I àn legiüde ognün per so cünt intànt ch’i se dèvun quàlche gumedàda d’intéŝa e quàlche ugiàda spiritùŝa. Si’ ‘s’ò fài da mangià per el senòn d’la vigìlia? Adès ve ‘l dìŝi: antipàsto d’salümi, raviöi in bröd, lèssi mìsti: galìna, manŝ, cudeghìn, cun insalàta, lentìg, mustàrda, panetòn cul mascarpòn, früta e cafè. V’ò bèle dì che son no ‘na gran cöga, cüŝìni sémpor piàti sémplici e nustràn p’rò par ch’ la tratùrìa la sìa gradìta perché i màngiun ch’lè un piàŝè. Le pitànse püsè elaburàde i à làsi fà da me fiöla e da le me spùŝe; i èn pròpi bràve ànca da preparà la tàula in manéra elegànte… ütàde dài so òmi.

Adès ve fò ‘na cunfidénsa, p’rò diŝèla a nisün perché l’è un segréto: ò decìŝ da ténŝom pü i cavéi, i a làsi natürài, cioè biànchi tàme püsè biànchi s’pöd no. L’è da quàlche méŝ che son adré a pruà “ il nuovo look” e ormài son decìŝa, ànca perché me dispiàŝi no. P’rò son un po’ descùnsa perchè me salüda pü nisün; quànd vò in gir mi salüdi a bras tàme ‘l sòlit, ma pòchi i me rispùndun sübot. O i van vìa drit o i me guàrdun e dòpu quàlche minüt i dìŝun: “Ah, te sé Madaléna, t’èvi mìga cunusüd!”…. Dòpu i se séntun in duér da dìm : “Te stè bén cùi cavéi biànchi!” Chisà s’ l’è vìra o s’la fan per cumplimént. Mah! ‘Sa diŝìu? An nöu Madaléna növa, tüta biànca. Ciao buon Anno a tüti.

LA TRADUZIONE

Ben arrivato 2020! Su con la vita e avanti. Natale è passato serenamente in famiglia sotto gli occhi del Bambino nel presepio. Non l’ho ancora disfatto, mi piace troppo il mio presepio pieno di statuine: pastori, pecore, donne, falegname, ombrellaio, suonatori, polentaio…. vecchi e bambini, persone e personaggi d’ogni generazione che vanno a trovare nella capanna Gesù appena nato, posto tra la Madonna, San Giuseppe, il bue e l’asino.

Mi piacerebbe che anche al giorno d’oggi tanti fossero in viaggio verso il Signore che è venuto sulla Terra per amore di tutti gli uomini. Come mi spiace disfare il presepio! Ogni anno mi rincresce sempre di più mettere le statuine nello scatolone dove dormiranno fino al Natale dell’anno venturo. Adesso pensiamo all’anno nuovo appena cominciato; speriamo che le preoccupazioni debbano essere superate e che porti pace e giustizia in tutto il mondo. Soprattutto penso ai giovani che hanno davanti la vita; vedere gli occhi dei bambini che brillano di felicità è come vedere il Paradiso. I miei nipoti sono diventati grandi, il più giovane ha 15 anni, non è più un bambino, ma un ometto, però a tutti piace ancora venire dai nonni a farsi coccolare.

Anche quest’anno ho scritto una poesia per ognuno; più che poesie sono dichiarazioni di amore per loro e tra le righe metto soddisfazione per le loro qualità e qualche tiratina di orecchie per i difetti che devono correggere. Gliele ho date la sera della vigilia di Natale quando ci siamo trovati a casa nostra per distribuire i regali. Le hanno lette ognuno per suo conto intanto che si davano qualche gomitata d’intesa e qualche occhiata spiritosa. Sapete cosa ho fatto da mangiare per il cenone della vigilia? Adesso ve lo dico: antipasto di salumi, ravioli in brodo, lessi misti: gallina, manzo, cotechino, con insalata, lenticchie, mostarda, panettone col mascarpone, frutta e caffè. Ve l’ho già detto che non sono una grande cuoca, cucino sempre piatti semplici e nostrani però sembra che la trattoria sia gradita perché li mangiano che è un piacere. Le pietanze più elaborate le lascio fare a mia figlia e alle mie nuore; sono proprio brave anche di preparare la tavola in maniera elegante…. aiutate dai loro mariti.

Adesso vi faccio una confidenza, però non ditela a nessuno perché è un segreto: ho deciso di non tingermi più i capelli, li lascio naturali, cioè bianchi come più bianchi non si può. E’ da qualche mese che sto provando “il nuovo look” e ormai sono decisa, anche perché non mi spiaccio. Però sono un po’ perplessa perché non mi saluta più nessuno; quando vado in giro io saluto calorosamente come al solito, ma pochi mi rispondono subito. O vanno via dritto o mi guardano e dopo qualche minuto dicono: “Ah, sei Maddalena, non ti avevo conosciuta!”…Dopo si sentono in dovere di dirmi: “Stai bene con i capelli bianchi”. Chissà se è vero o se lo fanno per complimento. Mah! Cosa dite? Anno nuovo Maddalena nuova, tutta bianca. Ciao buon Anno a tutti. 
Maddalena Negri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.