Il sogno in musica di Leo “Guitar man” nato sul palco di Bruce Springsteen
La foto “storica” di Leo Meconi ancora ragazzino sul palco con Springsteen

Il sogno di Leo “Guitar man”, nato sul palco di Bruce Springsteen

Sabato sera il giovanissimo Meconi protagonista di un “live show” al River Saloon sulla strada tra Lodi e Boffalora

La data che ha segnato (e che segnerà per sempre) la sua vita è il 5 luglio 2016, quando durante un concerto a “San Siro” Bruce Springsteen lo invita a salire sul palco per un duetto alla chitarra sulle note di “Dancing in the dark”. Un evento magico per l’allora 12enne Leo Meconi, che dopo quell’incredibile esperienza scrive la sua prima canzone, “Guitar man”, proprio come lo aveva ribattezzato il “Boss” quella sera d’estate di tre anni fa.

Il cantautore e chitarrista bolognese, classe 2004, sta presentando il suo primo album di inediti, “I’ll Fly Away”, opera di matrice folk/rock americana prodotta per Azzurra Music sotto la supervisione di Dodi Battaglia dei Pooh. Sabato sera (ore 21.30) sarà protagonista di un live show sul palco del River Saloon, il ristorante noto per i suoi piatti tipicamente americani che si affaccia sull’Adda lungo la strada tra Lodi e Boffalora.

Nel corso dell’evento, organizzato da Agorà Live Agency in collaborazione con il locale lodigiano, Meconi omaggerà naturalmente Springsteen, il suo nume tutelare, e altri grandi artisti a stelle e strisce che hanno contribuito alla sua formazione musicale, oltre a proporre gli inediti del suo nuovo album.

Leo Meconi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.