Grafica e colore, un mondo da riscoprire
Spazio Bipielle Arte: “Le stanze della grafica d'arte”(foto Paolo Ribolini)

Grafica e colore, un mondo da riscoprire

Al via la rassegna organizzata dall’associazione Monsignor Quartieri: sabato e domenica un’anteprima e un’inaugurazione

Lodi

Giovani artisti protagonisti dell’edizione 2019 della rassegna “Le stanze della grafica d’arte”, organizzata dall’associazione Monsignor Quartieri. Sono gli autori delle quattro opere della Cartella che la accompagna. Ma, prima dell’inaugurazione ufficiale del percorso tra le carte incise, fissato per le 11 di domenica 10 novembre con la presentazione della Cartella, un altro appuntamento apre la lunga stagione che vedrà l’associazione animare la Sala Bipielle Arte fino al prossimo 19 gennaio. Si tratta della “Anteprima in musica per l’arte” che alle 17 di sabato 9 novembre illustrerà il programma del ciclo “Di grafica e di colore” che ha come prima tappa l’attuale mostra curata da Gianmaria Bellocchio e Walter Pazzaia e, a partire dal 21 dicembre, la successiva configurata in un’ampia indagine intorno alla pittura di Mario Ottobelli (1920-2001), curata dal solo Pazzaia.

I protagonisti dell’edizione 2019 della rassegna “Le stanze della grafica d’arte”, autori delle quattro opere della Cartella, sono: la giovanissima Sara Manzan di Montebelluna, solo ventitré anni e una speranza per il futuro della grafica nella passione che la accosta a una pratica esigente come quella dell’incisione, da sempre un po’ in disparte nel panorama dell’arte e specie delle nuove generazioni. Il romano Patrizio di Sciullo, Giancarlo Ferraris di Asti, e l milanese Luciano Ragozzino con esperienze differenti e percorsi più consolidati.

“Le stanze della grafica d'arte, a cura di Gianmaria Bellocchio (nella foto) e Walter Pazzaia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.