Storie da Pulitzer alla Fotografia Etica
Visitatori al Festival

Storie da Pulitzer alla Fotografia Etica

La mostra sulla povertà di Renée C. Byer è il piatto forte del terzo weekend al Festival di Lodi

Si può vivere con un dollaro al giorno? No, diremmo tutti. E non si dovrebbe essere costretti a farlo. Nel mondo, però, sono milioni le persone che quotidianamente vivono nell’indigenza: e a raccontarle provvede Renée C. Byer, fotogiornalista vincitrice del premio Pulitzer, ospite speciale del terzo weekend del Festival della Fotografia Etica, che tra sabato 19 e domenica 20 celebra il giro di boa dell’edizione 2019 con un terzo weekend ricco di eventi.

Oltre alla mostra di Byer (con visita guidata sia al sabato che alla domenica a palazzo Barni), il menù prevede altre visite guidate, incontri, presentazione di libri e workshop. Tra gli eventi, il coordinatore del Festival Alberto Prina presenterà la foto vincitrice della sezione “Single shot” del World Report Award, uno scatto di Giulia Frigieri che ha immortalato Shahla Yasini, la prima donna iraniana a praticare questa disciplina sportiva nel suo Paese. A Palazzo Modignani in via XX Settembre, sede dello “Spazio tematico Italia”, Diana Bagnoli presenterà “Prima Comunione”, originalissimo progetto ambientato a Napoli, mentre allo Spazio Arte Bipielle in via Polenghi il pubblico potrà assistere alla presentazione della mostra “Il giardino delle delizie”, fotoreportage del belga Nick Hannes dedicato a Dubai.

Il programma completo del fine settimana è disponibile sul sito internet www.festivaldellafotografiaetica.it. Per visitare le mostre è necessario fornirsi del classico braccialetto arancione (15 euro) : è possibile acquistarlo online sempre sul sito ufficiale del Festival oppure presso le biglietterie in piazza Broletto (Ufficio Urp) e in via Polenghi Lombardo (Spazio Bipielle Arte).

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola sabato 19 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.