Museo della Stampa, così “si fanno i soldi”

Museo della Stampa, così “si fanno i soldi”

L’ente lodigiano protagonista dal 4 ottobre di una bella mostra al grattacielo Pirelli

Il Museo della stampa e stampa d’arte “Andrea Schiavi” di Lodi sale in cattedra. E non una cattedra qualsiasi, ma prestigiosa, come quella dello Spazio Eventi del grattacielo Pirelli di Regione Lombardia, in via Fabio Filzi 22 a Milano, dove da venerdì 4 al 31 ottobre la mostra “Come si fanno i soldi, la produzione di cartamoneta tra tecnologia e tradizione”, mostra curata da Luigi Lanfossi, vicepresidente dell’istituzione museale lodigiana.

L’inaugurazione, alle ore 10.30, alzerà il velo su un percorso espositivo che intende far conoscere al pubblico la storia e le tecniche di produzione delle cartevalori: dal bozzetto alle prove stampa, dalle matrici alla stampa di banconote e documenti. Partendo da una tavoletta sumera del 3200 a.c., la mostra passa in rassegna le prime banconote cinesi e, attraverso le prime cartemonete italiane del Regno d’Italia, arriva agli euro dei giorni nostri.

Una dimostrazione di Luigi Lanfossi

Ma il menù offre molto altro, da una ricca sezione sui francobolli (compreso il primo al mondo, il “Penny Black”) passando dai bozzetti originali di banconote, francobolli e titoli azionari. Curiosa è anche l’esposizione dei tagli da mille lire che illustrano la storia di questa mitica banconota; senza dimenticare la… falsificazione, un reato entrato nell’immaginario collettivo anche attraverso gli eroi del cinema come Totò. Tante chicche e tante sorprese: l’esposizione potrà essere visitata gratuitamente dal 4 al 31 ottobre, dal lunedì al venerdì, con orario continuato dalle 9 alle 18. Il giorno dell’inaugurazione e ogni martedì, utilizzando antichi torchi e attrezzature del Museo di Lodi, verranno effettuate dimostrazioni di stampa calcografica e tipografica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.