Un libro per gli eroi dello sport lodigiano

Un libro per gli eroi dello sport lodigiano

Domenica in piazza della Vittoria a Lodi il volume che celebra i 25 anni della “Parata”

Sono atleti, società, allenatori. Ma anche volontari, amministratori pubblici, scrittori, giornalisti, fotografi ed enti istituzionali. Sono tutti coloro che, in qualche modo, hanno contribuito fare la storia dello sport lodigiano, e non solo. Piccoli e grandi eroi ai quali la casa editrice Pmp ha voluto dedicare “Parata dello sport lodigiano. 25 anni di eccellenze”, il libro che verrà presentato domenica 22 settembre alle 11.30 in piazza della Vittoria in occasione della Festa del Volontariato.

Scatti d’archivio alla Parata dello Sport Lodigiano

L’idea di organizzare la Parata va ad alcuni benemeriti enti promotori: il Club Fanfulla Fedelissimi, che ogni anno assegna il premio “Giacomo Poli – Una vita per lo sport”; il Club Wasken Boys sceglie invece chi insignire del “Premio Gianni Giavazzi – Umiltà e dedizione nello sport”; la Canottieri Adda ha istituito nel 1995 il “Premio momenti di gloria – Passione per lo sport e amore per l’Adda”, mentre il Gruppo Lodigiano Pionieri e veterani dello Sport consegna il “Premio Tiziano Zalli”, riconoscimento dedicato all’atleta dell’anno. Fino al 2017 il Panathlon International ha assegnato il “Premio Eugenio Castellotti”, titolo riservato agli atleti che si sono messi in luce a livello nazionale. Il Coni promuove invece il “Premio al servizio dello sport”, istituito nel 1998. Per alcune edizioni ha partecipato anche Tele Radio Lodi con l’assegnazione dell’ “Oscar dello Sport”, mentre lo scorso anno “Il Cittadino”” ha premiato atleta e squadra dell’anno in base ai risultati ottenuti nel concorso lanciato dal quotidiano.

“Parata dello sport lodigiano. 25 anni di eccellenze” è un volume fotografico che nelle sue 226 pagine immortala tutti i protagonisti della Parata, dal 1994 al 2018, spesso arricchita anche da momenti di cultura e spettacolo con l’intervento di grandi nomi. Nel corso degli anni, sulla ribalta delle tre sedi in cui si è svolta la manifestazione, il “PalaCastellotti”, il Teatro alle Vigne e l’Auditorium “Tiziano Zalli”, si sono infatti esibiti artisti del calibro di Leo Nucci, Carlo Rivolta, Paolo Marcarini, Cècu Ferrari, Luciano Pagetti, oltre a realtà quali Il Ramo, le Accademie Gerundia e Gaffurio, il Gruppo folk Terra del Sole, il Corpo bandistico Orsomando e il Coro Barbarossa. Il libro conta anche subrevi interventi del sindaco Sara Casanova, dell’assessore Lorenzo Maggi, dei giornalisti Aldo Papagni e Andrea Maietti, di Duccio Castellotti e Leo Nucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.