Se il capolavoro passa “agli infrarossi”
Mario Lazzari scansiona “La Madonna detta gli esercizi a Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio” di Carlo Preda

Se il capolavoro passa “agli infrarossi”

Alta tecnologia e passione nello studio di restauro di Fabio Zignani a San Fiorano per carpire i segreti de “La Madonna detta gli esercizi a Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio” di Carlo Preda

Un capolavoro “ai raggi x”. O meglio, agli infrarossi, così da carpirne i segreti, a distanza di secoli. Non siamo in un sofisticato centro tecnologico in una qualsiasi parte del mondo, ma a San Fiorano, nella bottega di restauro di Fabio Zignani. Dove da qualche giorno, grazie all’aiuto del professor Mario Lazzari, il restauratore sta scannerizzando “La Madonna detta gli esercizi a Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio”, pregevolissimo olio su tela di proprietà della Fondazione Opere Pie Riunite di Codogno e opera di Carlo Preda, pittore milanese vissuto a cavallo tra Seicento e Settecento.

Esponente autorevole del barocchetto lombardo, l’artista realizzò “La Madonna detta gli esercizi a Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio oltre tre secoli fa. Ma come fu dipinto quel quadro? Quale la tecnica pittorica utilizzata? E ancora: l’artista, durante l’esecuzione, modificò il soggetto? A più di trecento anni di distanza, questi interrogativi potranno ora trovare risposta, con i “segreti” della pittura di Carlo Preda a un passo dall’essere svelati grazie a una indagine scientifica che ha sottoposto il quadro ad una scansione con raggi infrarossi.

I risultati si conosceranno nelle prossime settimane: «Carlo Preda è pittore importante ma finora poco studiato – sottolinea Zignani - . Avere a restauro un suo quadro così prestigioso mi è sembrata occasione troppo ghiotta per non approfittarne e dar corso a una indagine sulla tecnica pittorica di Preda. Per sapere di più del suo modo di dipingere. Del resto, è la prima volta che un quadro di Preda viene studiato con raggi infrarossi: queste informazioni, oltre che al sottoscritto, saranno utili soprattutto agli storici dell’arte interessati a capire meglio quest’autore».

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola giovedì 19 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.