Giulio Cavalli secondo al “Premio Campiello”
Andrea Tarabbia, vincitore del “Campiello 2019” davanti a Giulio Cavalli

Giulio Cavalli secondo al “Premio Campiello”

Lo scrittore lodigiano subito dietro il vincitore Andrea Tarabbia con la sua terza opera

Debutto di successo per lo scrittore lodigiano Giulio Cavalli al prestigioso Premio Campiello. Con la sua terza opera, “Carnaio” edito da Fandango Libri, Cavalli si è classificato al secondo posto nel concorso di narrativa contemporanea organizzato da Fondazione Campiello e Confindustria Veneto.

La finale, sabato sera, al Teatro La Fenice di Venezia, e in diretta televisiva su Rai 5, ha incoronato Andrea Tarabbia con il suo “Madrigale senza suono” (Bollati Boringhieri), che ha ottenuto 73 voti sui 277 inviati dalla giuria dei trecento lettori anonimi. “Carnaio” di Cavalli si è classificato secondo con 60 voti, mentre al terzo posto è arrivato Paolo Colagrande con La vita dispari (Einaudi), che si è assicurato 54 voti, mentre al quarto posto c’è Laura Pariani (Il gioco di Santa Oca, La nave di Teseo, con 52 voti), seguito da Lo stradone (Ponte alle Grazie) di Francesco Pecoraro che si è aggiudicato 38 consensi.

Cavalli e la copertina del suo libro

«Arrivare a questo risultato con un romanzo che parla di immigrazione, di cannibalismo per scelta etica e pubblicato da un editore che non ha nulla a che vedere con i potentati attuali e che compete fino alla fine per la verità del Campiello è una soddisfazione - ha raccontato a caldo a Il Cittadino - . Detto questo, non mi sono mai ritenuto soddisfatto nella vita per un secondo posto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.