Basta ebrei in aula, il caso lodigiano
Uno spaccato della copertina del volume che sarà presentato il 2 luglio a Lodi

Quando gli ebrei furono espulsi dalle aule,il caso lodigiano

Martedì 2 luglio la presentazione della ricerca sugli effetti delle leggi del ’38 sulle nostre scuole a cura di Società Storica e Mutuo Soccorso

Martedì 2 luglio, alle 18, Laura Coci e Ivano Mariconti presenteranno il volume La scuola lodigiana di fronte alle leggi antiebraiche, delle edizioni Ilsreco. L’iniziativa si inserisce nei programmi di “Lodi al sole” ed è stata organizzata dalla Società Storica Lodigiana e dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso di Lodi. Rientra nel programma della presentazione di quattro volumi freschi di stampa aventi autori o argomenti lodigiani. Il libro rientra nella serie dei Quaderni dell’Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.aperto alla cittadinanza. Il Quaderno nasce da un percorso di conoscenza e approfondimento del contesto politico, economico, sociale, che ottant’anni fa ha portato alla redazione e alla promulgazione delle Leggi razziste del 1938, con particolare attenzione alla scuola del territorio.

È la seconda presentazione della serie. La prima è stata tenuta martedì scorso, con il best seller “Romolo. Il primo re”, scritto da Franco Forte, lodigiano di Mairano, edito da Mondadori. Martedì sarà quindi la volta de “La scuola lodigiana di fronte alle leggi antiebraiche”, delle edizioni Ilsreco, mentre martedì 9 luglio alle ore 18 Pierluigi Majocchi di Lodi parlerà sulle particolarità dei tre corposi volumi (edizione web) intitolati “La chiesa e la parrocchia di San Lorenzo in Lodi. Novecento anni di storia nel cuore della città”. Infine, martedì 16 luglio, sempre alle ore 18, sarà la volta del libro fresco di stampa “La civiltà dell’acqua nel Lodigiano” scritto da Ferruccio Pallavera, prodotto da Sal, edizioni Pmp.

Laura Coci con Ercole Ongaro

Il libro presentato martedì rientra nella serie dei Quaderni dell’Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.aperto alla cittadinanza. Il Quaderno nasce da un percorso di conoscenza e approfondimento del contesto politico, economico, sociale, che ottant’anni fa ha portato alla redazione e alla promulgazione delle Leggi razziste del 1938, con particolare attenzione alla scuola del territorio.

Curatori del volume sono i docenti Laura Coci e Ivano Mariconti, che hanno guidato le ragazze e i ragazzi della 5A del Liceo Maffeo Vegio nella lettura e nell’analisi di documenti tratti dagli archivi scolastici lodigiani e dalle pagine della stampa locale («Il Cittadino» e «Il Popolo di Lodi»).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.