La Bassa si scalda con “Paesi in Musica”
La tappa a Somaglia di Paesi in Musica del 2018

La Bassa si scalda con “Paesi in Musica”

Inizia venerdì 21 a Somaglia il tradizionale festival itinerante estivo

Cinque appuntamenti, nel segno della sette note. E cinque palcoscenici diversi, come nello spirito di una rassegna che la magia dello spartito ama portarla in giro, affinché più persone possibili possano goderne. È la ricetta della tradizione che si rinnova, quella della 14esima edizione di Paesi in Musica, il festival cultural-musicale del Basso Lodigiano, al via venerdì 21 giugno. Il primo appuntamento, intitolato, “Viva Espana”, si terrà nella corte alta del castello Cavazzi di Somaglia con il soprano Silvia Felisetti e il musicista d’arpa Davide Burani: dopo di che, in ossequio alla sua indole itinerante, toccherà anche Codogno, San Fiorano, Santo Stefano Lodigiano e Guardamiglio.

Susie Georgiadis

Gli spettacoli (inizio sempre alle 21.15, ingresso libero) proseguiranno il 27 giugno a Codogno, nel cortile di palazzo Lamberti, dove andrà in scena “Tre tenori in concerto. Omaggio a Luciano Pavarotti”, con i tenori Giovanni Manfrin, Michele Mauro e Alberto Angeleri accompagnati dall’ensemble Le Muse. Sabato 27 luglio si farà tappa a San Fiorano al parco della scuola primaria con lo spettacolo-concerto “Duelling Divas”, protagoniste i soprani Paola Cigna e Susie Georgiadis che “gareggeranno” in musica tra loro, accompagnate da Milo Martani al pianoforte. Lirica di nuovo protagonista a Santo Stefano Lodigiano il 3 agosto, con le “Melodie indimenticabili” assieme al tenore Francesco Tuppo, al soprano Milica Ilic e al pianoforte Sabina Concari. Il cortile della Torretta a Guardamiglio invece sarà location dell’ultimo appuntamento, ancora però in via di definizione.

«Sono felice nel vedere la manifestazione al suo quattordicesimo anno: le difficoltà organizzative – commenta il direttore artistico Alessandro Bertolotti - non sono mai poche, la concomitanza delle elezioni amministrative quest’anno è stata poi un ulteriore fattore di complicazione. Il gradimento delle persone fa però da contraltare: Paesi in Musica è festival che piace, atteso dal territorio e molto partecipato. Ed è questo quello che conta più di ogni altra cosa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.