Lodi, si rinnova l’appuntamento con i giovani talenti della Theresia
La Theresia orchestra

Lodi rinnova l’appuntamento con i giovani talenti della Theresia

L’orchestra (formata da strumentisti sotto i 28 anni) protagonista venerdì sera al teatro alle Vigne

Ventinove giovani musicisti provenienti da ogni angolo del globo, anche da Paesi spesso poco considerati nel mondo della “classica” come Iran, Bosnia e Colombia. La magia della Theresia, l’orchestra formata da strumentisti sotto i 28 anni, si rinnoverà questa sera (ore 21) nell’appuntamento conclusivo della Stagione concertistica del Teatro alle Vigne.

l legame tra il gruppo musicale e la città è molto forte: Theresia è infatti un progetto interno della Fondazione iCons, ente che sostiene il percorso di alto perfezionamento artistico attraverso l’erogazione di borse di studio biennali ai giovani musicisti e si occupa della struttura artistica e organizzativa dell’orchestra. «La Fondazione è nata 2016 e si è trasferita a Lodi due anni dopo» racconta il presidente Mario Martinoli.

La sede di via Volturno diventa così spesso luogo degli “stage”, periodi di studio che si concludono sempre con un concerto pubblico offerto alla città, come avvenne per esempio lo scorso gennaio in occasione delle celebrazioni di San Bassiano.

«In totale abbiamo 35 borsisti, ogni anno ne cambiamo la metà – spiega Martinoli – selezioniamo i musicisti anche attraverso un colloquio motivazionale, vogliamo essere certi che ci garantiscano la loro presenza per un biennio. Il profilo ideale? Musicisti che stanno concludendo il master e si stanno affacciando al mondo della musica come professionisti». Studiano sotto la guida di grandi maestri come Alfredo Bernardini, direttore del concerto di venerdì sera che prevede musiche di Haydn e Mozart.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 3

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.