Bartali, prima tappa: l’impresa di un eroe
Francescp Dendi

Bartali, prima tappa: l’impresa di un eroe

A Peschiera per il 25 aprile una pièce rievoca al De Sica il salvataggio di 800 ebrei da parte del campionissimo di ciclismo

La maggior parte degli appassionati lo ricorda per i suoi innumerevoli trionfi, che annoverano tra gli altri tre giri d’Italia, due Tour de France e quattro Milano-Saremo. Ma Gino Bartali non è stato solo un campionissimo del ciclismo, ma anche nella vita: come ricorda “Bartali: prima tappa”, la pièce che giovedì 25 aprile alle ore 21 al teatro De Sica di Peschiera Borromeo celebrerà le gesta con le quali il fuoriclasse toscano, durante gli anni dell’occupazione nazista, salvò la vita a oltre 800 ebrei.

“Bartali: prima tappa”, produzione Factory Tac, La Gualchiera, è ideato da Paola Bigatto e Lisa Capaccioli (quest’ultima anche autrice dei testi e regista) e interpretato dall’attore Francesco Dendi. Lo spettacolo, promosso dall’amministrazione comunale per dare risalto alla festa della Liberazione, si presenta sotto forma di monologo. Sulla ribalta c’è un ragazzo, innamorato delle corse e della due ruote, si fa chiamare “I’ Bartali”, in ossequio al suo ciclista preferito. Si inventa un “Giro d’Italia” tutto suo: fa parte della rete di assistenza clandestina e ogni giorno va in missione, sfruttando il talento di saper filare sui pedali, con l’obiettivo di portare abiti, cibo e documenti falsi agli ebrei nascosti nella campagna toscana.

Il Comune non nasconde l’orgoglio per il valore della rappresentazione dedicata a “Ginettaccio”: «Il campione italiano di ciclismo tra il 1943 e il 1944 salvò oltre 800 ebrei trasportando nella canna della sua bicicletta documenti falsi utili all’espatrio e alla salvezza di intere famiglie - fanno sapere dal municipio -. Bartali, per le sue gesta eroiche, tenute nascoste fin dopo la sua morte, ha ricevuto nel 2006 la Medaglia d’oro al Valore Civile e nel 2013 l’onorificenza di Giusto tra le Nazioni dalla Stato di Israele».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.