Le emozioni della musica per ricordare la venerabile
Scaravella al piano e il baritono Salvini

Le emozioni della musica per ricordare la venerabile

Sabato sera la chiesa della Triulza a Codogno ha dedicato un’elevazione spirituale in musica alla religiosa Antonia Maria Belloni

Ad aprire la scaletta è l’ “Ave Maria” di Camille Saint Saens, e la suggestione pervade subito la parrocchiale. La musica sacra sa trasmettere le emozioni e creare l’atmosfera adatta all’appuntamento per il quale, sabato sera alla Triulza, si sono radunati in molti: un concerto, anzi un’elevazione spirituale per avvicinarsi, attraverso le note, all’amata destinataria della serata. Così la frazione di Codogno ha voluto omaggiare Antonia Maria Belloni, la venerabile di cui ricorre il 300esimo anniversario della morte. E il compito è stato adeguatamente assolto dalle mani di Elio Scaravella e dalla voce di Valentino Salvini, il pianista e il baritono che hanno interpretato al meglio questo sentito evento.

La frazione Triulza, infatti, diede il 5 novembre 1635 i natali alla religiosa che a lungo fu superiora e badessa del monastero femminile dedicato a Santa Chiara, attivo fino al 1782 in via Verdi, in pieno centro storico a Codogno. Il parroco di Triulza, don Giorgio Croce, ha ricordato dal principio l’importanza dei momenti celebrativi dedicati alla venerabile Belloni, per la quale si attendono esternazioni miracolose che diano linfa al processo di beatificazione. Per questo, la musica si è sposata perfettamente alla spiritualità dell’appuntamento, fondendo i cuori degli spettatori in un “unicuum” tra fede e arte.

Dopo la musica sacra, nobilitata tra le altre dall’esecuzione di brani di Schubert, Franck e Adam e Massenet, è toccato alla lirica esaltare le corde dell’ugola del castelnovese Valentino Salvini, che dal Macbeth alla’Andrea Chenier, passando per la Cavalleria Rusticana, il Don Carlo e il Faust, ha pervaso di emozioni l’atmosfera della chiesa. «Essere venuto a Codogno a tenere un recital lirico sia stato un piacere e un onore, ha commentato il baritono; in molti alla Triulza la pensano allo stesso modo.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 14 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.