Il mito di Battisti “resuscita” il Nebiolo
Gli Exodus al Nebiolo

Il mito di Battisti “resuscita” il Nebiolo

Il tributo al grande Lucio da parte degli Exodus ha segnato la riapertura di una stagione ufficiale al teatro di Tavazzano

C’è il sindaco Giuseppe Russo quasi commosso, dopo tanti anni di travaglio. E ci sono i nuovi gestori contenti, perché se anche il pienone non c’è stato, l’inizio è comunque incoraggiante. Benvenuti, o bentornati, al teatro Nebiolo di Tavazzano, che venerdì scorso con il concerto-tributo a Lucio Battisti da parte degli Exodus ha ufficialmente aperto quella stagione di eventi che, ufficialmente, mancava ormai da anni.

Il teatro negli ultimi anni era stato gestito direttamente dall’amministrazione comunale, senza però avere una sua vera e propria “autonomia”. Questa eredità è stata raccolta da Rosanna Bergonzi e Marco Negri dell’agenzia Melarido, che con il tributo a Battisti nel ventennale dalla scomparsa ha finalmente inaugurato il nuovo cartellone. A godersi l’esibizione degli Exodus, in un’azzeccata miscellanea dei grandi successi di Battisti conclusosi con l’esecuzione assieme al pubblico de “La canzone del sole”, una settantina di spettatori. «Ci reputiamo molto soddisfatti – chiosa Marco Negri –. L’obiettivo va oltre alla semplice stagione: fare in modo che il teatro riviva, per tutti».

Il pubblico al Nebiolo applaude gli Exodus (foto Fontana)

Concetti condivisi anche dal sindaco Giuseppe Russo: «Non nascondo di essere un po’ emozionato, ora che dopo qualche anno riparte la stagione teatrale – ha commentato il primo cittadino –. La gestione è stata affidata a professionisti, persone che fanno questo di mestiere, ed è proprio il fatto di gestire altri 4 teatri oltre al Nebiolo ci ha dato la certezza della qualità. Se questo teatro vive, vuol dire che anche Tavazzano è viva, dandoci la possibilità di pensare un po’ più in grande». Il prossimo appuntamento è fissato per il 23 novembre con la rilettura in chiave comica del classico manzoniano I promessi sposi.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 13 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.