Il meglio dell’illustrazione: vetrina al Caffè Letterario
I tre illustratori Damiano Groppi, Alessandra Ceriani, Stefania Colnaghi al Caffè Letterario

Il meglio dell’illustrazione, una bella vetrina al Caffè Letterario di Lodi

Soggetti di moda, bellezza, editoria per Ceriani, Colnaghi e Groppi

Gucci e Givency, Pomellato, e poi Feltrinelli, Rizzoli e Mondadori. Sono alcuni dei nomi che completano i titoli delle opere esposte da qualche giorno nella Sala delle Colonne al Caffé Letterario, indicando le eccellenze nel campo della moda, del beauty e dell’editoria per le quali le immagini sono state realizzate. Il colorato repertorio che apre una finestra sul panorama dell’illustrazione contemporanea porta la firma di tre autori: due giovani, Stefania Colnaghi e Damiano Groppi, coinvolti nella mostra da Alessandra Ceriani che fu loro docente al tempo dell’insegnamento al liceo artistico di Lodi e poi, per entrambi, la prima guida nel mondo dell’illustrazione.

Un’illustrazione in mostra

È un ambito oggi in gran parte segnato dal processo evolutivo che ha condotto alle realizzazioni a computer, e anche i venti lavori esposti sono nati da procedimenti digitali che, al pari delle metodologie tradizionali, richiedono competenze artistiche oltre che informatiche, in primis nella composizione e nel disegno. Movimentato e dal tratto veloce e immediato appare quello della Ceriani, nelle immagini dedicate alla nota “maison” milanese di gioielli, o nelle vivaci vedute di Santorini, Marrackech o Vienna, realizzate per la rivista della tedesca casa farmaceutica “Madpex”. Diplomata in pittura all’Accademia di Brera, l’autrice lavora anche per Chanel, Vogue, Deborah e Lancaster, oltre che nel settore editoriale. Di tono fiabesco-fumettistico, con l’espressività delle figure accompagnata alla leggibilità dei singoli elementi e dell’insieme, è la produzione della Colnaghi rivolta specialmente all’illustrazione di libri per l’infanzia per editrici come Del Borgo, Feltrinelli, Giunti o La Scuola: nitide nell’essenzialità delle forme, le sue figure compongono gustosi quadri narrativi. Diversificata nelle tematiche è la proposta di Groppi, che passa dalle interpretazioni di moda dove concilia ispirazioni artistiche e trend contemporanei, ai ritratti di personaggi celebri come l’artista Joseph Beuys e il fotografo August Sander, offrendo anche saggi di ironia immaginando una “casa” Prada medioevale, costruita secondo architetture di ricordo giottesco.

Digital Illustration
Opere di Alessandra Ceriani, Stefania Colnaghi e Damiano Groppi
Lodi, Caffé Letterario, via Fanfulla 2. Fino al 6 luglio 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.