Il “Carlo Rossi” rende omaggio alla Milano di Enzo Jannacci
Sopra Stefano Orlandi e il gruppo in “Roba minima s’intend”

Il “Carlo Rossi” rende omaggio alla Milano di Enzo Jannacci

Stefano Orlandi racconta il suo spettacolo in scena martedì al teatro di Casale

Un omaggio al grande Enzo Jannacci: questo è il “filo rosso” del prossimo appuntamento del cartellone di musica che offre il teatro “Carlo Rossi” di Casale. Roba minima s’intend è il titolo dello spettacolo-concerto, che va in scena martedì: «contaminazioni letterarie di Beppe Viola, Franco Loi, Giovanni Testori, Walter Valdi», di Stefano Orlandi, con lo stesso attore e cantante sul palcoscenico insieme a Massimo Betti alla chitarra, Stefano Fascioli al contrabbasso, Guido Baldoni alla fisarmonica; scenografia di Maria Spazzi; luci di Alessandro Verazzi; una produzione Atir (Teatro Ringhiera di Milano).

Lo definisce «un concerto “malincomico”» il suo autore e interprete Stefano Orlandi. E sono molti gli elementi in gioco: la figura di Jannacci, senza dubbio, con la sua comicità surreale; il dialetto milanese, lingua vera e propria di altissima dignità letteraria; la Milano degli anni tra Cinquanta e Settanta, con i suoi antieroi, disperati, forse, ma senza disperazione, come precisa Orlandi: «Sono ormai dieci anni che porto in giro questo mio lavoro, tra sagre di paese e teatri veri e propri. Sempre con una grande risposta da parte del pubblico».

L'ultima esibizione di Jannacci a Lodi, nel 2007

Insomma la collocazione all’interno del cartellone di Casale non è quella della prosa, ma si tratta più di uno spettacolo che di un concerto: «Direi di sì - dice Orlandi -, a partire dal fatto che ci sono costumi e scenografie vere e proprie. Inoltre le canzoni che canto sono intervallate da monologhi di autori che avevano con Jannacci un rapporti di amicizia o di contiguità: Beppe Viola, Giovanni Testori, Walter Valdi fino a Franco Loi».

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino in edicola martedì 13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.