Nella pittura degli esordi un Vanelli da riscoprire
Tino Gipponi tra il presidente della Bcc Serafino Bassanetti e il sindaco di Lodi Sara Casanova

Nella pittura degli esordi un Felice Vanelli da riscoprire

Inaugurata l’esposizione curata da Tino Gipponi nella sede della Centropadana in corso Roma 100 a Lodi

Marina Arensi

Non è il Felice Vanelli che i lodigiani conoscono meglio, quello dei volti femminili, delle maternità e delle Madonne disegnate sui grandi fogli, facilmente rinvenibili in gran numero nelle collezioni locali. E non è neppure il Vanelli noto e più alto dei cicli di affreschi nelle chiese della provincia, o quello delle sculture di soggetto sacro oppure di collocazione urbana, di tono celebrativo. La mostra voluta da Tino Gipponi nell’atrio della sede della Banca Centropadana in corso Roma a Lodi ha invece alzato il velo dell’oblio sul Felice Vanelli del decennio che muove dal 1961, rimasto un po’ sepolto sotto la produzione successiva segnata dal definirsi della cifra espressiva personale e riconoscibile che lo avrebbe accompagnato fino alla fine del percorso, nell’agosto 2016.

Una veduta d’insieme dell’inaugurazione nella sede centrale della Centropadana in corso Roma 100 a Lodi

Accompagnata dal saluto del presidente della Bcc Serafino Bassanetti, la lettura dell’itinerario descritto dai ventisette dipinti esposti ha preso vita nella presentazione di Gipponi: un omaggio a un amico, uno del gruppo comprendente Monico, Bonelli, Vecchietti, Vigorelli, Roncoroni e Bassi che negli anni Sessanta viveva settimanalmente gli incontri conviviali nutriti di appassionati scambi di opinioni, sullo sfondo del panorama dell’arte che stava cambiando. Una carrellata di quadri volutamente esposti senza indicazioni di titolo e anche di data, che descrivono quella pittura “asprigna” del titolo della rassegna.

******

La pittura asprigna di Felice Vanelli dei primi dieci anni

Bcc Centropadana, corso Roma 100 a Lodi. Fino al 25 febbraio. Orari: lunedì-venerdì 10-20. Sabato e domenica 10-12,30 e 14,30-19,30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.