Recupero crediti record, archiviato il rischio default

Recupero crediti record, a San Giuliano archiviato il rischio default

Ripianato il grosso buco di bilancio, la Corte dei Conti ha promosso il risanamento

Giulia Cerboni

Il Comune di San Giuliano ha scongiurato definitivamente il rischio di naufragio economico. Dal municipio è infatti arrivata notizia ufficiale che la Corte dei Conti ha accettato la richiesta dell’amministrazione di Marco Segala di uscire in anticipo dal Piano di riequilibrio finanziario che avrebbe dovuto concludersi nel 2023.

La procedura si era aperta a fine 2016 quando a causa del pesante fardello di debiti - di cui 2 milioni legati a fatture fuori bilancio che risalivano agli anni precedenti - l’ente era arrivato vicino al default . Pertanto l’esecutivo aveva portato in consiglio comunale un piano di pre-dissesto che è stato poi accettato dall’organo preposto. Conclusa la fase difficile il Comune, che fino a questo momento è stato “osservato speciale”, ora è libero di definire le prossime strategie, in termini di investimenti e servizi, nella totale autonomia. Sebbene, tenendo conto della tegola Genia, il primo cittadino annuncia che verrà mantenuta comunque una politica di rigore.

La leva decisiva per arrivare a questo risultato è stata quella del recupero dei crediti con cui è stato ripianato un grosso buco che si era formato nei conti pubblici. Entro il 2022 l’ente, in base alle previsioni, avrà incassato l’importo di 7,3 milioni legati alle pendenze lasciate da cittadini e imprese. Affidata alla società Fraternità e sistemi, l’attività di recupero delle somme scoperte nel periodo dal 2017 fino alla fine del 2019 aveva già portato all’incasso di 5,1 milioni.

Di fronte al responso che è arrivato dalla Corte dei Conti, il sindaco Marco Segala afferma: «È il tassello conclusivo di un percorso, duro e faticoso, che abbiamo iniziato appena insediati e che oggi un organo indipendente e autorevole decreta come efficace e risolutivo in merito alla pesante situazione debitoria in cui versava il nostro Comune e che rischiava di determinarne il fallimento». E l’assessore al bilancio Mario Grioni aggiunge: «Liberiamo da un pesante fardello una città che finora è andata avanti con il freno a mano tirato. Certo, come ribadito dalla stessa Corte e anche dal sindaco - conclude - , dobbiamo continuare con impegno e determinazione che ci hanno portato fino a qui per impostare politiche virtuose e adottare provvedimenti concreti nel sociale, nel sostegno alle famiglie e al tessuto produttivo locale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.