Il pane quotidiano nella nuova era

Viaggio tra i fornai del Lodigiano e del Sudmilano in edicola venerdì 22

Stefania Soleto

Un tempo, prima che in ogni casa ci fosse una cucina, si cuoceva il pane nel forno di quartiere, promuovendo indirettamente lo scambio sociale tra le persone che qui avevano un punto di riferimento. In una chiave di lettura attuale, si potrebbe dire che il coronavirus abbia quasi restituito ai panifici la stessa funzione comunitaria. Con i forni tornati ad essere “luoghi rifugio” o almeno, senza entrare troppo in discorsi filosofici, servizi di prossimità salvaspesa per le famiglie in quarantena e punti di ritrovo “consentito” per chi con l’acquisto del pane sperava in una parola di conforto.

Viaggio del nostro quotidiano tra i fornai del Lodigiano e del Sudmilano per raccontare come sta cambiando questa arte in questa fase delicata.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 22 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.