Contagiati senza saperlo, all’Avis sono ben 40 su 60
L’ospedale di Codogno

Castiglione: contagiati senza saperlo, all’Avis sono ben 40 donatori su 60

Il problema dei positivi asintomatici: senza tampone non si possono trovare

Laura Gozzini

Su 60 donatori dell’Avis di Castiglione, 40 sono positivi asintomatici. Positivi al Covid-19 senza saperlo. Il dato emerge dallo screening avviato una settimana fa presso l’ospedale di Codogno sottoponendo i donatori Avis, a partire proprio dalla sezione di Castiglione, a tampone e prelievo del sangue. E pone di fronte a un “sommerso” che non può essere trascurato. «Se il tampone è positivo ci pensa l’Asst a chiamare subito l’interessato perché va messo in isolamento, e verosimilmente dopo 72 ore se non arriva la chiamata è negativo - spiega il dottor Mario Grazioli, presidente e direttore sanitario dell’Avis di Codogno -. Altra cosa è la positività alla carica anticorpale, che vuol dire che la persona ha sviluppato gli anticorpi perché ha fatto il Covid in maniera asintomatica. E in questo caso ci mandano un elenco di donatori, che invitiamo ad andare a Lodi a donare il plasma. Per il momento sono arrivati circa 15 nomi, ma il numero può dipendere dalla velocità d’invio».

Se il dottor Grazioli si confronta con i dati della carica anticorpale, a Castiglione sono i medici di base a raffrontarsi con quei donatori che hanno scoperto di avere il Covid-19 e non l’immaginavano minimamente, perché senza sintomi. Va da sé che la loro “esistenza” impone una riflessione, e a farla è la dottoressa Clelia Pontini: «A fronte di un calo così conclamato di malattia - spiega in riferimento ai dati ufficiali dei contagi in paese -, abbiamo avuto un’impennata di positività di tantissimi pazienti, donatori Avis, che sono risultati positivi e non sapevano di esserlo». Non una sorpresa per chi dal primo giorno fronteggia sul campo la malattia, ma altri parrebbero averlo scoperto ora: «Noi lo sapevamo dai sintomi, dalla perdita del sapore e dell’odore, che quelle febbriciattole che ci dicevano di non scambiare con il Covid erano Covid. Solo che se non fai i tamponi non li identifichi - taglia corto Pontini -. Castiglione ha 4500 abitanti, 190 casi e 80 decessi sono moltissimi. Se questi dati di una micro-popolazione li avessero avuti a Codogno e Casale non sarebbero bastate le rianimazioni della Lombardia».

Cosa fare quindi? «Bisogna decidere - conclude il medico -. Se il “sommerso” è un 70 per cento degli ammalati bisogna prendere in carico il territorio e andare a stanare anche i portatori asintomatici per arginare la malattia. Ma non si fa, come se fosse una malattia ospedaliera. Perfino tra Regioni di colori (politici, ndr) uguali fanno cose diverse».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.