Coronavirus, ospedale “blindato”: medici e infermieri in quarantena a Codogno

Coronavirus, ospedale “blindato”: medici e infermieri in quarantena a Codogno

Vietato l’accesso al cup e al punto prelievi

Ospedale “blindato” a Codogno questa mattina (venerdì) dopo che un paziente è risultato positivo al Coronavirus. L’accesso al cup e al punto prelievi dell’ospedale è vietato a chiunque e i pazienti che in queste ore si recano al nosocomio della Bassa per esami e altre necessità vengono “intercettati” già all’ingresso e mandati via dal personale addetto, con l’assicurazione che saranno richiamati quando l’emergenza sarà cessata e la situazione chiarita.

Nel frattempo è scattata la quarantena per tre rianimatori e per tutti i medici e gli infermieri del pronto soccorso che nelle scorse ore sono state a contatto con il 38enne.

Sono terminate invece nella notte le operazioni di evacuazione del pronto soccorso, con una decina di pazienti trasferiti a Lodi. Il 38enne che potrebbe aver contratto il virus invece è stato ricoverato in terapia intensiva. Risultati positivi anche la moglie e altre quattro persone con cui l’uomo era venuto a stretto contatto nei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.