San Giuliano, minacce per avere i soldi: i genitori lo fanno arrestare

San Giuliano, minacce per avere i soldi: i genitori lo fanno arrestare

L’uomo è un 41enne rimasto senza lavoro

Ormai stanchi ed esasperati dalle continue vessazioni del figlio, si rivolgono ai carabinieri e lo fanno arrestare. I genitori di San Giuliano non avrebbero voluto che andasse a finire così, ma di fronte all’ennesima violenza e al nuovo tentativo di estorsione, mercoledì sera sono scattate le manette ai polsi di un italiano di 41 anni. L’uomo che vive da solo, nonostante questo tornava sempre a bussare alla porta dei famigliari. Aveva perso il lavoro e ogni volta chiedeva 50 euro per tirare avanti. Fin qui nulla di male, se non fosse che le sue pretese erano abitualmente “condite” da minacce.

Soldi da dargli i suoi genitori, settantenni e in pensione, anche loro in difficoltà economiche, non ne avevano davvero più, eppure non c’era verso di farlo capire al figlio 41enne. Nelle ultime settimane la situazione è letteralmente precipitata. Con telefonate minatorie, insulti gratuiti e pesanti alla madre, minacce al padre e incursioni nella loro abitazione con danneggiamenti di mobili e cose.

È successo di nuovo mercoledì sera, quando il 41enne è tornato a battere cassa a San Giuliano. Di fronte al netto rifiuto dei genitori, è andato su tutte le furie e per sfogare la sua rabbia, o forse per avvertire i due anziani di quello che avrebbe fatto, ha iniziato a rompere le cose in casa. Non pago, è uscito, e ha preso a sassate la veranda in vetro. Una lite violenta, che ha attirato l’attenzione anche dei vicini e che è stata sedata grazie all’arrivo dei carabinieri.

I militari hanno trovato il 41enne ancora lì, sul posto, e quando hanno cercato di fermarlo sono stati aggrediti a loro volta. Portato in comando, ascoltati i genitori, il figlio violento è stato arrestato in flagranza di reato per atti persecutori, tentata estorsione, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.