Bcc, Iccrea spinge per la fusione
Il presidente della Centropadana, Antonio Baietta

LODI - Credito cooperativo, la capogruppo Iccrea spinge per la fusione tra Bcc Centropadana e Bcc Borghetto

Indicazione da Roma per superare le difficoltà, servirà almeno un anno di lavoro

Lorenzo Rinaldi

Una sola banca di credito cooperativo per il territorio della provincia di Lodi. È il progetto a cui sta lavorando la capogruppo Iccrea Banca, che ha chiesto ai consigli di amministrazione di Bcc Centropadana e Bcc Borghetto Lodigiano di studiare un processo di fusione dei due istituti.

L’obiettivo della holding del credito cooperativo è operare sul territorio lodigiano con un unico istituto di credito, robusto a sufficienza per superare una fase economicamente ancora complessa e con un adeguato numero di filiali per essere ramificato in tutta la provincia.

La nuova banca, che dovrebbe mantenere la sede a Lodi in corso Roma (l’attuale prestigiosa sede di Centropadana) ma avere un nuovo nome, potrebbe beneficiare della presenza capillare sul territorio della rete di sportelli della Centropadana e della patrimonializzazione della Borghetto.

Per andare in porto, la fusione avrà bisogno del via libera delle due assemblee dei soci, caratterizzate da numeri profondamente differenti se consideriamo che Borghetto ha una base sociale di circa 1.600 soci (e una dialettica interna ad oggi tranquilla) mentre Centropadana ha circa 20mila soci sparsi tra Lombardia, Emilia e Piemonte e una dialettica assembleare che negli ultimi anni è andata via via facendosi sempre più aspra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.