A Paullo la “scorciatoia” per evitare la Paullese, oltre 10mila sanzioni nel 2019

A Paullo la “scorciatoia” per evitare la Paullese, oltre 10mila sanzioni nel 2019

Gli accessi alla ztl sorvegliati con le telecamere

Nel 2019 in migliaia hanno “dribblato” la Paullese utilizzando la via Milano come scorciatoia, nonostante la zona a traffico limitato. C’è questo tra i dati più eclatanti forniti ieri dal commissario Stefano Papalia, comandante della polizia locale di Paullo, nell’ambito dell’illustrazione del bilancio dell’attività dell’anno concluso. «Il Comune di Paullo - ha premesso Papalia - rappresenta uno dei centri principali del Sudmilano, al di là dei contenuti 9 chilometri quadrati di estensione e dei circa 12mila abitanti, è infatti uno dei poli aggregativi per i Comuni del circondario e un punto di passaggio obbligato per la Paullese».

La polizia locale «è fornita di un sistema di videosorveglianza articolato in varie telecamere ad alta definizione e si avvale anche del controllo elettronico degli ingressi non consentiti nella zona a traffico limitato».

Proprio la Ztl ha permesso di staccare 10mila verbali su 12mila complessivi. Una quota che, comunque, non si discosta significativamente dai valori registrati nel biennio precedente. L’altro tema caldo affrontato è quello degli incidenti rilevati, 44 in tutto, due mortali (25 quelli con feriti e 17 con danni solo alle cose). A seguito dei controlli eseguiti sono state ritirate 40 patenti (218 quelle con segnalazioni e annotazioni) e una carta di circolazione, mentre i punti decurtati sono stati 228.

Il comandante Papalia ha sottolineato «l’ottima collaborazione» con i comandi dei carabinieri della e le altre polizie locali. Allo stesso tempo sono stati seguiti con l’istituto comprensivo progetti di educazione stradale con gli “Agenti a scuola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.