Assalto al portavalori in autostrada: ecco il punto sulle indagini in corso
Le indagini sono partite immediatamente

Assalto al portavalori in autostrada: ecco il punto sulle indagini in corso

Incendiate dai malviventi tredici auto rubate sull’A1 e su una provinciale vicina tra Lodi Vecchio e San Zenone

Carlo Catena

Una ventina di persone con una decina di automobili, due tir, due ruspe, bande chiodate e armi da guerra martedì sera sull’Autostrada del Sole tra Lodi Vecchio e San Zenone ha cercato di bloccare un convoglio di tre furgoni blindati della Battistolli diretto a Bologna e carico di denaro per un importo stimato fra i 5 e i 7 milioni di euro. L’azione criminale prevedeva di utilizzare un autoarticolato per rallentare il traffico e bloccare i blindati nei pressi di un varco predisposto appositamente all’altezza della provinciale 204 per la successiva fuga fuori dall’autostrada, dove era stato preparato un secondo autoarticolato. Il tentativo di rapina a mano armata è fallito per la pronta reazione del conducente di uno dei portavalori che, con una manovra repentina, è riuscito a seminare il tir dei rapinatori che li tallonava e a fermarsi nell’area di servizio San Zenone Ovest, dove era presente una pattuglia della sottosezione della polizia stradale di Gurdamiglio. A bordo di entrambi i mezzi pesanti utilizzati dai malviventi erano state caricate due ruspe con le quali con tuta probabilità i banditi volevano sventrare scardinare i mezzi blindati, con 7 guardie a bordo, e asportare tutto il denaro. Per depistare e ritardare l’intervento delle forze dell’ordine, negli stessi minuti, attorno alle 23.15 di martedì sera, sulla corsia opposta dell'autostrada sono state date alla fiamme quattro auto con targhe contraffatte. Altre nove vetture con targhe false sono state incendiate lungo la provinciale 204. La questura invita chiunque abbia scattato foto o realizzato filmati di quelli che inizialmente sembravano incidenti, a quell’ora e nella tratta di A1 interessata, a contattare la squadra mobile di Lodi (0371/4471) o la polizia stradale di Lodi o di Guardamiglio.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola giovedì 30 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.