Mediglia, torna la luce dopo due mesi
La zona interessata dal problema in località Quattro Strade

Mediglia, torna la luce dopo due mesi

La Città Metropolitana ha sistemato l’illuminazione tra Cerca e Paullese

Le luci tornano ad accendersi in località Quattro Strade, il borgo incastonato tra la provinciale Cerca, la Paullese vecchia e nuova. Una decina di famiglie in tutto, tre attività commerciali, condannate all’isolamento rispetto al resto del comune e, da due mesi, al buio completo.

«Dopo l’articolo sul Cittadino finalmente è tornata almeno la luce parziale – spiegano i residenti -. Da novembre il black out era completo, ma da più di un anno avevamo segnalato le problematiche riguardanti l’illuminazione a Città Metropolitana». Le risposte, che sono arrivate nel 2018, però non erano state soddisfacenti e via le condizioni della pubblica illuminazione sono peggiorate fino al buio totale in una zona ad alto traffico e pericolosissima.

«Da circa un mese e mezzo abbiamo prodotto solleciti – spiega il vicesindaco di Mediglia Gianni Fabiano -. È veramente assurdo quello che sta succedendo, siamo partiti già a novembre con forti sbalzi di tensione che nella nostra zona hanno creato danni e disagi all’illuminazione pubblica spenta a macchia di leopardo quasi in tutte le frazioni con forti disagi. Ricordo, a titolo di esempio, che nelle frazioni di Triginto e Bustighera dopo essere rimasti circa tre ore senza fornitura di energia elettrica per manutenzione, ci siamo ritrovati a dover ancora una volta segnalare guasti sull’illuminazione pubblica nel caso specifico per la permanente accensione sia di giorno che di notte degli impianti. Tali disguidi e disservizi non possono più essere tollerati. C’è stato un lungo periodo di manutenzione ed uno spreco di risorse economiche per le luci impazzite. Va garantito il funzionamento degli impianti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.