Cambio ai vertici delle parrocchie, don Mazzoni va a San Colombano
Don Attilio Mazzoni

Cambio ai vertici delle parrocchie, don Mazzoni va a San Colombano

«Ringrazio il vescovo Maurizio, sono desideroso di incontrare la comunità banina»

Cristina Vercellone

Cambio ai vertici delle parrocchie. Don Attilio Mazzoni, attuale guida di San Lorenzo, è stato nominato parroco a San Colombano, al posto dell’attuale amministratore don Gianfranco Pizzamiglio. L’annuncio è stato dato ieri, nella parrocchia banina, dal vescovo monsignor Maurizio Malvestiti e, a San Lorenzo, dal vicario generale don Bassiano Uggè, in coda alle messe mattutine.

San Lorenzo resterà affidata alla guida di don Emilio Contardi che in questi 14 anni è sempre stato al fianco di don Mazzoni. Quest’ultimo, classe 1959, ai vertici del «Cittadino», prima come vice direttore e poi come direttore, docente in seminario da 30 anni, era arrivato a San Lorenzo, nell’ottobre del 2005.

«San Lorenzo - commenta il sacerdote - ha rappresentato un’esperienza unica. C’è un folto gruppo di laici adulti, maturati nella fede e formati da don Luigi Fioretti. Qui, all’interno di un contesto urbano e secolarizzato, i legami con la parrocchia non dipendono dalla tradizione, ma da scelte motivate. Il rapporto tra fede e cultura è vissuto a pieno. L’esperienza è stata straordinaria: mi ha enormemente arricchito. Mi sono trovato coetaneo della generazione delle persone che hanno tra i 60 e i 70 anni, quelle del gruppo dei giovani formati da don Fioretti e che costituiscono il gruppo famiglia. Ho fatto con loro un cammino importante. Sono diventati i miei fratelli e le mie sorelle. Le persone mi mancheranno, anche se le amicizie continueranno a distanza».

Era stato lo stesso don Mazzoni a manifestare al vescovo tempo fa il desiderio di cambiare. «Avevo bisogno di rimettermi in gioco - ammette - interpretare un altro vissuto cristiano. Avvertivo la tentazione di “sedermi” e adeguarmi a un cliché standardizzato. Sono convinto poi che, dopo un certo numero di anni, anche le comunità abbiano bisogno di cambiare la guida e avere un altro sguardo che metta in gioco nuove risorse. Per questo avevo detto al vescovo che, eventualmente, quando lui avesse voluto, sarei stato disponibile a cambiare. Sono molto contento perché alla guida di San Lorenzo resterà don Emilio, con il quale ho una lunga amicizia e con il quale c’è convergenza di fede e teologica. Don Emilio conosce bene la comunità. San Lorenzo è fortunata ad avere lui come amministratore parrocchiale. Sarà responsabile a pieno titolo della comunità».

La parrocchia di San Colombano, da quando, la scorsa estate, si era dimesso il parroco don Mario Cipelli, era passata sotto la responsabilità del vicario foraneo don Ermanno Livraghi e poi del segretario del vicariato don Pizzamiglio. Quest’ultimo resterà a San Colombano fino all’arrivo di don Mazzoni tra poco più di un mese. «Sono contento della fiducia che il vescovo ha riposto in me - conclude don Mazzoni -. Sono desideroso di conoscere e accompagnare nel nuovo cammino la comunità di San Colombano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.